Il Ministro Tremonti sblocchi al più presto i 30 milioni di euro a parziale ripristino delle tariffe postali agevolate per il no profit

“Il Ministro Tremonti firmi al più presto il Decreto per lo stanziamento dei 30 milioni di euro a parziale ripristino delle tariffe postali agevolate per il settore no profit. Non è più accettabile che continui a rinviare” è quanto chiedono, con una risoluzione presentata all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, i Consiglieri democratici Damiano Zoffoli e Beppe Pagani.

“L’improvvisa sospensione delle tariffe postali agevolate dall’1 aprile scorso interessa le pubblicazioni informative di enti, enti locali, associazioni ed altre organizzazioni senza fini di lucro, in tutto circa 8000 testate (tra cui anche le 186 testate diocesane cattoliche con circa un milione di copie)”, spiegano i Consiglieri che, nel documento, esprimono “grave preoccupazione per un intervento effettuato in maniera improvvisa e antidemocratica, che viene a colpire il pluralismo dell’informazione, per lo più in un momento in cui tutti gli editori hanno già chiuso la campagna abbonamenti e programmato l’attività del 2010, mettendo così a rischio la sopravvivenza di un considerevole numero di testate libere”.

“Gli editori – proseguono Zoffoli e Pagani – si sono trovati da un giorno all’altro, e senza alcun preavviso, nella condizione di dover fronteggiare aumenti improvvisi dal 120 al 260 per cento delle tariffe arrivando, in certi casi, addirittura al 500 per cento: soldi sottratti alle Ong che si occupano di affamati, senzatetto, disabili. L’ennesimo attacco trasversale del Governo al Terzo Settore, dopo i tagli al Servizio civile e la mancata conversione in legge del 5 per mille”.

Zoffoli e Pagani invitano quindi la Giunta regionale a intervenire nei confronti di Governo e Parlamento per sollecitare il Ministro Tremonti a firmare quel decreto di stanziamento a parziale ripristino delle tariffe postali agevolate per il settore no profit, e a istituire presto un tavolo tra Governo e i soggetti interessati per dare continuità all’erogazione dei fondi, con norme certe per le tariffe postali agevolate, che permettano la programmazione, con giusto anticipo, delle attività di comunicazione, stampa e spedizione delle pubblicazioni.

E’ possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.