Verso la 46esima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani. È ora di un nuovo protagonismo

È ora di tornare a pensare politicamente.

Occorre prima pensare, poi fare; per non cadere in un pragmatismo senz’anima.

È ora di tornare alla politica, alla buona politica: al centro la persona e la comunità.

Il mondo, infatti, ci sta cambiando sotto gli occhi con una rapidità incredibile, affascinante ed inattesa. La crisi e la globalizzazione ci obbligano a rivedere il nostro modo di essere cittadini, il nostro modo di fare impresa e di lavorare, di educare e crescere i nostri figli: una generazione precaria nella vita e nell’amore.

Novità che, inevitabilmente, interpellano anche i cattolici, ammesso che vogliano essere protagonisti, e non solo spettatori, della costruzione della città dell’uomo, a misura d’uomo.

C’è innanzi tutto da assicurare una presenza: l’assenteismo, il rifugio nel privato e la delega in bianco non sono leciti a nessuno, ma per i cristiani sono peccato di omissione.

I cattolici non devono rassegnarsi a svolgere soltanto un ruolo pre-politico, rifugiati in ambiti di impegno sociale e culturale, ma accettare l’impegno politico come servizio.

Dobbiamo e vogliamo ripartire da una visione positiva, che veda le persone, le famiglie e le comunità alleate nella ricerca del bene comune.

Penso ai valori della libertà nella responsabilità, della partecipazione sussidiaria, della solidarietà, della legalità, in sostanza a un nuovo umanesimo e civismo, con al centro la persona e la comunità. Valori che sono il fondamento della Costituzione della Repubblica Italiana.

Ripartiamo dall’articolo 2: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”.

Emerge una visione integrale, fisica, psichica e spirituale della persona che ci richiama alla necessità della sua formazione ed educazione permanente.

A mio avviso, infatti, la vera discriminante, in questa fase costituente del Paese, delle culture e dei Partiti, e che è trasversale ai partiti stessi, è tra una concezione della società basata sull’individuo, da una parte, e sulla persona e comunità, dall’altra.

La crisi che stiamo vivendo è una crisi culturale, di senso e di significato. L’“usa e getta” e il “fai da te” proprie dei messaggi dominanti nella nostra società, negli ultimi venti anni hanno alimentano due forme di disperazione: il rifugio in un passato che non ritorna, con la rinuncia alle nuove sfide, e una visione “consumistica” del presente, che usa e getta le cose, le idee, i programmi, i partiti ed infine, inesorabilmente, le persone.

Il nostro impegno di cattolici è invece quello di promuovere e costruire il futuro, la politica come costruzione di speranza.

Del resto l’obiettivo della 46esima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani organizzata per il prossimo ottobre a Reggio Calabria è proprio redigere un’agenda di speranza per il futuro del Paese.

Senza nostalgia, diamo ali alle nostre radici: la fedeltà ai valori è autentica se è capace di cogliere il nuovo, se è dinamica e feconda e sa anche introdurre discontinuità in abitudini consolidate.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.