Nate, in Provincia di Forlì-Cesena, 13 nuove imprese cooperative grazie al contributo di 230 mila euro della Regione

“Sono 74 le nuove imprese nate grazie al contributo di 1 milione e 500 mila euro messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il bando per il Sostegno finanziario all’avvio di iniziative imprenditoriali di nuove cooperative. – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Territorio Ambiente Mobilità – Dinamismo socio-economico, capacità di innovazione e qualità dello sviluppo sono obiettivi fondamentali per uscire dalla crisi”.

Vengono così sostenuti, con un contributo tra il 28% ed il 40%, i costi di avvio e di primo investimento, sia materiale che immateriale, di cooperative di nuova costituzione – di piccole e medie dimensioni – dedicati a progetti di particolare valore sociale e/o particolarmente innovativi negli ambiti prioritari della cura alla persona, della salute, dell’ambiente e dell’energia.

In Provincia di Forlì-Cesena – prosegue Zoffoli – sono 13 le nuove imprese cooperative che hanno partecipato, presentando progetti tutti ritenuti ammissibili e che riceveranno un contributo pari a 229.246,55 euro, mettendo in moto investimenti pari a 587.696,88 euro”.

In particolare, sono 7 le cooperative nate da lavoratori colpiti da crisi aziendali, disoccupazione o precariato, e coinvolgono 22 soci lavoratori (di cui 11 donne). Su 13 cooperative, 4 sono cooperative giovanili (pari al 31% delle domande).

“La nascita di nuove imprese, spesso per iniziativa di lavoratori precari o di giovani in cerca di occupazione, è un segnale importante per il tessuto imprenditoriale dell’Emilia-Romagna. Soprattutto se pensiamo che, secondo stime recenti, in Italia più di 900mila giovani tra i 15 ed i 29 anni sono invisibili: non studiano, non lavorano, non sono in cerca di occupazione. È quindi evidente che è essenziale mettere la persona al centro del processo economico, continuare ad investire su ricerca e formazione, leve essenziali per lo sviluppo sostenibile e durevole della nostra comunità regionale, esplorando ambiti per nuove produzioni e nuovi lavori” conclude Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.