In un tempo di economie deboli, ci vogliono idee forti. Valorizziamo di più l’associazionismo familiare

Sto seguendo con attenzione il positivo confronto che il Sindaco Lucchi e l’Amministrazione di Cesena hanno intelligentemente avviato con tutte le organizzazioni del mondo sindacale ed economico in vista della costruzione della proposta di bilancio per il 2011.

È quello che sta avvenendo anche a livello regionale, con una serie di incontri che hanno le stesse finalità ed obiettivi.

Identica, del resto, è la base di partenza: aumentano i bisogni e calano le risorse.

Per effetto della manovra finanziaria di Tremonti, nel biennio 2011-2012, l’intero sistema regionale (Regione, Province, Comuni) subirà una decurtazione di fondi di oltre un miliardo di euro.

Il bilancio della nostra Regione, solo nel 2011, dovrà fare i conti con 341 milioni di euro in meno.

I settori maggiormente interessati dai tagli saranno l’ambiente (soprattutto quello che riguarda la gestione integrata dei rifiuti), la viabilità, il fondo unico per le imprese (quindi le risorse per ricerca, sviluppo e innovazione), l’edilizia sociale, il trasporto pubblico locale (compresi i contratti di servizio con Trenitalia), la spesa sanitaria e i fondi per la non autosufficienza.

Quelli del Governo Berlusconi sono tagli strutturali, lineari ed indiscriminati, in attesa di un federalismo, per ora, fatto solo di chiacchiere.

Che fare, dunque? Due proposte.

In un tempo di economie deboli ci vogliono idee forti.

Servono bravi ragionieri, ma è soprattutto necessario che torni in campo la Politica, la buona Politica, quella capace di indicare una prospettiva e di fare delle scelte, chiamando le persone ad una comune assunzione di responsabilità.

È necessario passare dalla concertazione (funzionale ad una equa distribuzione delle risorse) alla programmazione negoziata, coinvolgendo tutte le parti, sociali ed economiche, per definire assieme priorità e strategie rispetto al futuro della nostra comunità regionale.

Valorizzando maggiormente, ai vari livelli – e qui sta la mia prima proposta – le realtà che oggi non sono coinvolte in maniera stabile e continuativa nei processi decisionali.

Penso, in particolare, all’associazionismo familiare che deve essere riconosciuto come soggetto sociale nuovo, espressione di responsabilità e autonomia delle famiglie stesse, che non vogliono essere ridotte a semplice oggetto di assistenza, ma vogliono diventare protagoniste delle scelte.

Del resto tutti conveniamo che la famiglia, anche durante la crisi che stiamo attraversando, è il più importante ammortizzatore sociale: contribuisce a mantenere la coesione sociale e la qualità dello sviluppo.

La vera sfida è proprio quella di riformare in profondità il nostro welfare, che da semplice costo deve diventare risorsa, attraverso un fisco più equo e centrato sulle esigenze della famiglia.

Il secondo impegno riguarda una decisa opera di semplificazione e sburocratizzazione, a tutti i livelli.

In futuro l’efficienza della nostra Regione sarà misurata, a mio avviso, non tanto dal numero di leggi approvate e di direttive emanate, semmai dalla capacità di ridurre ed eliminare regolamenti e disposizioni superate, inutili e spesso poco comprensibili, garantendo la massima trasparenza nelle procedure.

Entrambe queste due proposte/sfide richiedono, da parte della politica, l’umiltà di riconoscere i propri limiti e il coraggio di cambiare, incominciando a valorizzare e a mettere in rete le tante e buone esperienze e realtà che già oggi ci sono e operano nel nostro territorio, pur senza fare notizia.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.