“I LIVELLI DI CAMBIAMENTO. Le dinamiche sociali ed economiche del territorio di Forlì-Cesena viste da una differente prospettiva”

Un breve report della prima serata del ciclo di incontri “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità”.

È possibile scaricare le slides dell’intervento di Guido Caselli cliccando qui.

“In questi anni la politica ha perso la bussola. A furia di preoccuparsi solo di fare, è stato lasciato indietro il pensare, e si è scivolati in un pragmatismo senz’anima. Eppure oggi più che mai, in un momento di economia debole, servono idee forti. Bisogna tornare a pensare politicamente”.

Nelle parole del Consigliere regionale Damiano Zoffoli, è ben riassunto lo spirito del ciclo di incontri “La buona politica: al centro la persona e la comunità”. Quattro serate per seminare spunti di riflessione e guardare con occhi nuovi il mondo che ci circonda.

Nel primo incontro di giovedì 23 settembre Guido Caselli, Direttore del Centro studi di Unioncamere Emilia-Romagna, ha tracciato un quadro del futuro a tinte fosche: “L’Emilia-Romagna è ancora oggi una delle regioni più ricche d’Europa. Ma non può permettersi di stare ferma. Quando un territorio si accontenta della stabilità è già in crisi. Pensiamo a come si fa ad andare in bicicletta: si resta stabili solo perché ci si muove. E l’Italia negli ultimi anni si è mossa davvero poco o se lo ha fatto è stato a marcia indietro, tanto che nel 2009 il Prodotto interno lordo nazionale è ritornato ai livelli dell’anno 2000. In questo decennio peggio di noi, nel mondo, ha fatto solo lo Zimbabwe. Un po’ meglio è andata alla provincia di Forlì-Cesena che è regredita solo ai livelli del 2004”.

Un calo del Pil, un indicatore strettamente economico, non è necessariamente un male se può spingerci a ripensare il nostro stile di vita, limitando ad esempio l’edificazione ed il consumo di territorio. Ma siamo disposti a farlo? Per Caselli si tratta di un passaggio obbligato: “Quando la crescita economica andava a 100 all’ora il benessere dei cittadini arrancava a 33 chilometri orari. Se il benessere non viaggia di pari passo con la crescita economica non può essere considerato vero benessere”.

Il calo che dovrebbe preoccupare di più, in realtà, è quello relativo all’occupazione: “Viene ripetuto spesso – ha continuato Caselli – che la disoccupazione italiana è più bassa di quella europea. E’ vero, abbiamo una media dell’8,4 per cento contro il 9,6 per cento. Quello che non si dice, però, è che anche il tasso di occupazione italiano è inferiore alla media europea, di almeno il 10 per cento. Questo vuole dire che tanta gente, scoraggiata o frustrata, ha smesso di cercare lavoro o lavora in nero”. Il mercato del lavoro, inoltre, cerca figure poco qualificate. Tra le 20 professioni più ricercate solo una, quella infermieristica, richiede la laurea.

Il rischio, sempre più concreto, è che si vada verso una crisi entropica: “Una crisi come quella che fece crollare l’Impero romano. Ma non è detto che sia un male. La nostra società, dopo anni di crescita e piccoli aggiustamenti, ha raggiunto la maturità. E, come avviene per i prodotti commerciali, in questa fase del ciclo per ripartire serve una forte discontinuità”.

Una discontinuità, un crollo dell’Impero, ben rappresentata dalle parole dello scrittore Alessandro Baricco pubblicate su Repubblica la settimana scorsa: “Quando penso ai barbari penso a gente come Larry Page e SergeyBrin (i due inventori di Google) o Steve Jobs (tutto il mondo Apple) o Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia). Quando penso agli imbarbariti, alle folle che riempiono i centri commerciali o al pubblico dei reality show. Quando penso ai barbari penso a Mozart (il Don Giovanni sembrò piuttosto barbaro all’imperatore che lo pagò) e quando penso agli imbarbariti penso alle signorine aristocratiche che strimpellavano ottusamente sonatine di Salieri nei loro saloni cadenti”.

Per rifondare la società su nuove basi, per Caselli, è necessario un cambiamento di paradigma: “Non dire più che imprese competitive fanno il territorio competitivo, ma piuttosto che si è competitivi, come imprese e come persone, solo se si è inseriti in un sistema territoriale competitivo. Per farlo bisogna socializzare gli ostacoli allo sviluppo. Di fronte a certi ostacoli le imprese non vanno lasciate sole, ma accompagnate dal sistema territoriale. Allo stesso modo bisogna ripensare il welfare: le politiche di coesione sociale, oltre alla socializzazione dei rischi individuali, devono avere come obiettivo l’identificazione e la realizzazione di un dividendo sociale. E, infine, serve una nuova governance, che vada oltre la dicotomia tra economia e sociale per essere rappresentanza vera dei bisogni del territorio, ridando centralità alla dimensione relazionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.