L’Emilia-Romagna è indisponibile ad ospitare una centrale nucleare nel territorio regionale. Presentata una risoluzione a favore dello sviluppo energie alternative

Il Governo Berlusconi continua nella politica degli sterili annunci sul nucleare, senza dire la verità sulle nuove centrali, sui costi e sul problema irrisolto delle scorie. Questa la denuncia dei Consiglieri regionali del Partito Democratico, che hanno presentato una risoluzione che verrà discussa dall’Assemblea legislativa.

“La nostra Regione non è pregiudizialmente a favore o contro alcun tipo di fonte energetica sicura e affidabile – spiega Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare Territorio Ambiente Mobilità – ma il Governo nazionale si è fossilizzato su una tecnologia superata in partenza, per nulla competitiva, se non grazie all’esborso di denaro pubblico (ancora oggi, gli italiani pagano 400 milioni di euro l’anno nelle bollette elettriche, per le scorie del vecchio nucleare)”.

Secondo l’Ufficio federale di Statistica americano il nucleare è addirittura l’energia più costosa: 101,82 centesimi di dollaro il costo di 1 Kwh da fonte nucleare, contro i 99,45 dell’eolico, i 98,23 del carbone e gli 81,72 del gas naturale.

La risoluzione impegna la Giunta ad affermare, presso la Conferenza Stato-Regioni ed in ogni altra sede, la totale indisponibilità dell’Emilia-Romagna ad ospitare una centrale nucleare all’interno del suo territorio; a sollecitare l’adozione di un piano energetico nazionale elaborato col coinvolgimento delle Regioni e a valorizzare l’energia solare quale eccellenza italiana sia per produzione che consumo, dando così una risposta ai temi energetici ed occupazionali per ricercatori e lavoratori.

E’ possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.