Fisco 20-20-20: una proposta chiara del PD, per il lavoro, i nostri giovani e il futuro

L’ITALIA È UN PAESE PER GIOVANI? La sfida educativa e il futuro è il titolo dell’iniziativa organizzata per giovedì 14 ottobre, alle ore 20:30, presso la sala E. Cacciaguerra della Banca di Cesena, in viale Bovio 72. Interverrà Cristian Carrara, che è stato Segretario Nazionale dei Giovani delle Acli ed è Presidente del Centro studi per le politiche giovanili del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro.

Nel nostro Paese, secondo stime recenti, più di 900mila giovani tra i 15 ed i 29 anni sono invisibili: non studiano, non lavorano, non sono in cerca di occupazione. – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, promotore del ciclo di incontri La Buona Politica – Questa situazione rischia di deprimere e frustrare un’intera generazione che, per la prima volta dal dopoguerra, trasforma la sua precarietà lavorativa in precarietà esistenziale”.

“L’occupazione e il lavoro dei nostri giovani sono temi centrali. Gli ultimi numeri dell’Istat ci dicono, infatti, che se in Italia la disoccupazione è arrivata all’8,5%, quella giovanile è pari al 27,9% (1 su 3). – spiega Zoffoli – In una società dove anche i lavoratori autonomi non sono più quelli di 15 anni fa (oggi il lavoratore autonomo è un ingegnere che stacca dodici fatture all’anno per il suo datore di lavoro che non l’ha assunto e gli ha chiesto di aprire la partita iva) occorre combattere la precarietà attraverso nuovi strumenti di protezione sociale e favorire la nascita di nuove imprese, per esempio attraverso l’eliminazione dell’Irap sul costo del lavoro per le neoassunzioni di giovani e donne con contratto a tempo indeterminato.

“Tutto ciò richiede risorse, da recuperare attraverso il rilancio della crescita del Paese, una seria lotta all’evasione fiscale e una riforma strutturale della fiscalità generale. La proposta del Partito Democratico, Fisco 20-20-20, è molto chiara e semplice – conclude Zoffoli – un euro di reddito da lavoro o di impresa non può essere tassato più di un euro tratto dalla rendita. L’aliquota del 20% deve essere l’aliquota di riferimento per la tassazione di tutti i redditi”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.