Progetto di legge per la legalità e la semplificazione in edilizia: il parere di enti e associazioni

Un buon testo di legge; va però accompagnato da misure attuative attente a non gravare le imprese che rispettano le regole di ulteriori vincoli normativi ed adempimenti burocratici: questo il giudizio dagli enti e dalle organizzazioni di categoria su “Disposizioni per la sviluppo della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica o privata”, il pdl presentato in un’udienza conoscitiva dalla Commissione “Territorio Ambiente Mobilità”presieduta da Damiano Zoffoli. Il Presidente ha assicurato l’attenzione e la disponibilità della Commissione a valutare i suggerimenti e le proposte avanzate.

“I temi dell’edilizia pubblica e privata – ha poi detto Zoffoli – sono complessi e possono essere affrontati da diverse prospettive. Esiste però, anche in Emilia-Romagna, la necessità chiara, da cui ha preso le mosse questo progetto di legge, di concentrare e orientare gli sforzi verso un rafforzamento della legalità, una semplificazione delle norme e l’informatizzazione dei procedimenti. La struttura del mercato è infatti spesso condizionata da imprese che adottano pratiche suscettibili di alterare le condizioni di concorrenzialità. Così il frequente ricorso nei rapporti di subappalto a imprese non adeguatamente strutturate, l’utilizzo troppo elevato del criterio del prezzo più basso, la scarsa attività di controllo, portano come conseguenza una bassa qualità dei lavori realizzati; un elevato tasso di incidenti, anche mortali, sui luoghi di lavoro; un’alterazione del mercato delle costruzioni; la diffusione di comportamenti illegali e di infiltrazioni della criminalità organizzata, documentati dalla magistratura e dagli inquirenti. C’è poi in questo settore una zona grigia, nella quale il ricorso a strumenti come il part-time, le partite Iva, la paga globale e l’associazione in partecipazione, spesso serve a eludere le regole sulla sicurezza, i contratti e l’orario di lavoro. Tutto risulta formalmente in regola ma non è così, e purtroppo in questa situazione, per reggere la competizione, anche le imprese legali rischiano di dover cedere. In questo contesto – ha concluso il Presidente – il pdl intende quindi definire norme chiare per valorizzare le imprese sane e virtuose, garantire sicurezza ai lavoratori sul posto di lavoro, semplificare e ridurre le pratiche edilizie ed i costi a carico di cittadini, imprese ed enti”.

Nel dibattito, Confartigianato ha chiesto il coinvolgimento di enti ed organizzazioni del settore nella definizione dei regolamenti attuativi della legge, e Confcooperative ha proposto di calibrare gli adempimenti normativi in rapporto alla dimensione e alla struttura delle imprese. A parere di Unioncamere ciò che si deve fare è premiare le imprese virtuose, mettere in rete tutte le informazioni oggi disponibili, e attivare un gioco di squadra contro l’illegalità. Cna ha sottolineato che i controlli vanno potenziati solo sulle imprese che registrano anomalie e ha espresso un giudizio positivo sull’articolazione in “lotti funzionali” degli appalti pubblici, prevista dal pdl: oltre ad essere la prima sperimentazione regionale dello Small Business Act (il provvedimento europeo in favore delle piccole imprese) è infatti anche uno strumento efficace per contrastare le infiltrazioni malavitose. A parere del rappresentante della direzione provinciale dell’Ufficio del Lavoro di Ferrara, sono tre gli strumenti essenziali da mettere in campo: la premialità per le imprese virtuose; la formazione dei lavoratori, soprattutto sui cantieri; il riconoscimento di “cantiere etico” a chi applica gli standard minimi di sicurezza. Per Filca-Cisl (Federazione italiana lavoratori costruttori e affini) vanno ridotte le stazioni appaltanti pubbliche e nei bandi di gara devono essere introdotti elementi premianti per le imprese che certificano l’applicazione delle norme, in particolare sulla sicurezza: l’etica va correlata a un vantaggio economico. Gli adempimenti burocratici vanno ridotti ed informatizzati, ha sostenuto l’Ordine degli Architetti di Bologna; analoga l’opinione dell’Ordine degli Ingegneri di Forlì-Cesena, che ha insistito sull’opportunità di non aggiungere nuove prescrizioni ad un settore composto prevalentemente da piccole imprese e da numerosissime ditte individuali.

Il testo è stato illustrato dal relatore Tiziano Alessandrini, che ha detto: “Il pdl interviene nel settore con due tipi di strumenti: quello promozionale e quello prescrittivo. Sul fronte della promozione, si attiveranno forme di più stretta collaborazione con gli Uffici territoriali del Governo, le Camere di Commercio, le Amministrazioni pubbliche, le strutture di polizia locale, le parti sociali, gli ordini professionali e le Università. Trova poi un’attenzione particolare il tema dei controlli. La Regione, per assicurare una più efficace e coordinata attività di vigilanza, definirà le modalità di applicazione, obbligatoria, di sistemi per la registrazione automatica delle presenze nei cantieri e promuoverà accordi per l’adozione di sistemi telematici che rilevano i movimenti e i flussi di mezzi e materiali. L’informatica sarà utilizzata anche per semplificare e agevolare le attività delle Amministrazioni, degli operatori economici e dei cittadini. In particolare, per costituire, aggiornare e rendere consultabile la banca dati delle certificazioni contributive degli operatori economici (Documento unico di regolarità contributiva) e per inoltrare la notifica preliminare, i moduli Istat che rilevano il permesso di costruire, la Dia (per nuovi fabbricati o per ampliamenti di volume di edifici preesistenti), i modelli Gap delle prefetture, i documenti previsti dal procedimento edilizio e dalle sue tappe interne. Il provvedimento si occupa anche del settore edile a committenza pubblica e delle stazioni appaltanti. Queste, nell’elaborazione dei progetti, devono verificare la possibilità di adottare soluzioni tecniche per la tutela dell’ambiente, il risparmio energetico, il riutilizzo delle risorse naturali e, nel caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, devono vagliare la possibilità di inserire, fra i criteri di valutazione dell’offerta, elementi finalizzati a tali obiettivi. Il progetto di legge infine prescrive che l’impresa esecutrice o subappaltatrice applichi i contratti collettivi (nazionale e territoriale) e garantisca agli organismi paritetici di settore, per tutta la durata dei lavori, la possibilità di sopralluoghi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.