Serve un nuovo protagonismo dei giovani! In tanti, ieri sera, a confronto con Cristian Carrara

“L’Italia è un Paese per giovani? Una domanda retorica, la risposta non può che essere no. In Italia l’età media dei manager è di 60 anni, in Europa 39. Inoltre le stesse persone, quasi sempre anziane, siedono in numerosi consigli di amministrazione. Difficile poi che la politica possa dare risposte ai giovani: sono pochi e sono disuniti, non sono quindi considerati una buona base elettorale”.

Eppure rappresentano quasi il 60% dei disoccupati e stanno pagando, da tutti i punti di vista, il maggiore prezzo di questa crisi, sia nei livelli di occupazione che nelle retribuzioni. Non è stato tenero nella sua analisi Cristian Carrara, Presidente del Centro studi per le politiche giovanili del Cnel, con le numerose persone intervenute al secondo appuntamento del ciclo “La Buona Politica”, giovedì sera nella sala della Banca di Cesena.

In Parlamento c’erano più giovani prima di Tangentopoli – ha continuato Carrara – che oggi. Siamo passati dal 9,8% all’8% attuale di under 35. Se guardiamo al periodo successivo alla seconda guerra mondiale vediamo addirittura come i padri costituenti, i cosiddetti professorini, fossero appena trentenni. Non va meglio nelle professioni. Oggi in tutta Italia solo 4 professori universitari hanno meno di 35 anni, ed uno è figlio del Presidente della Repubblica. La mobilità sociale è quasi nulla, tanto che per un figlio di operaio è impossibile aspirare ad un posto da notaio. Eppure un giovane potrebbe dare il meglio di sé, con una carica di innovazione, tra i 27 e i 35 anni”.

Carrara però non vuole invitare i giovani al parricidio: “Come scriveva la filosofa e storica Hannah Arendt, una società vera vive nell’equilibrio tra la carica di rivoluzione dei giovani da una parte e la sicurezza e saggezza del mondo adulto dall’altra. Se questo equilibrio si rompe, come nel caso dell’Italia, il Paese rischia di implodere”.

Un grosso carico di responsabilità è della famiglia, investita della sfida educativa: “Un tempo si educava un figlio per dargli in mano le chiavi della propria vita, per farsi accudire una volta anziani. Smarrendo questo senso si è come interrotto un filo. Tanti padri e madri dovrebbero fare una seria autocritica, riconoscendo il fatto di aver fallito e creato una società malata, improntata all’individualismo”.

Dal relatore, comunque sono arrivate punzecchiature anche ai giovani: “Hanno perso l’attitudine al rischio. È normale che un giovane debba dire: non metto su famiglia perché il lavoro non c’è, la casa costa eccetera? Dal punto di vista delle politiche è un ragionamento giusto, servono politiche ad hoc su questi temi. Ma dal punto di vista educativo è sbagliato: si è persa l’attitudine al rischio. Quella molla che spinse tanti nostri nonni senza lavoro, ad esempio, ad andare a fare i minatori in Belgio. Per questo abbiamo bisogno, oggi più che mai, di testimoni veri, di persone che sappiano trasmetterci un modello con passione segnando la nostra vita. Altrimenti l’unico modello da seguire per i giovani rimarrà quello proposto dalla televisione”.

Quando vi dicono che voi siete il futuro – ha concluso il Consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd), organizzatore dell’incontro – non dovreste sentirvi onorati, dovreste incazzarvi! È solo un modo per dire che intanto, nel presente, sono altri a decidere. Invece anche il presente vi appartiene e avete tutto il diritto di esprimere la vostra opinione. È necessario che tutti i presenti si accendano di passione civile e lavorino mettendo al centro la persona e la comunità. Teste lucide e pensanti, e cuori caldi: è ciò che serve alle nostre città”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Serve un nuovo protagonismo dei giovani! In tanti, ieri sera, a confronto con Cristian Carrara

  • mauro

    Un incontro bellissimo veramente, Carrara è stato chiaro ed incisivo, davvero un ottimo oratore!