Una proposta concreta per ridurre i costi della politica: tagli a vitalizi, rimborsi e indennità

Arriverà a breve, sui banchi dell’Assemblea Legislativa, una proposta elaborata dal Gruppo Partito Democratico per ridurre i costi di gestione della macchina politica regionale. Una proposta che verrà sottoposta anche alle altre forze della maggioranza e alle opposizioni, al fine di raggiungere la più ampia condivisione possibile.

Il provvedimento che abbiamo con molta convinzione sollecitato e sostenuto prevede, in particolare:

la riduzione del 10% delle spese per l’indennità dei Consiglieri regionali in tutte le sue voci (base, diaria, funzione);

l’abolizione del modello forfettario di calcolo del rimborso chilometrico per la partecipazione alle riunioni istituzionali;

il superamento dei vitalizi nelle modalità con le quali essi vengono erogati e disciplinati (e in questo, l’Emilia-Romagna sarà la prima Regione in Italia ad attivarsi, dando il buon esempio).

Sulla riduzione del 10% il Gruppo PD valuterà insieme alla maggioranza se realizzarlo attraverso una decurtazione lineare delle voci che compongono l’indennità di carica, oppure attraverso una rideterminazione dell’impianto normativo e finanziario che sta alla base delle indennità stesse.

Con queste proposte il risparmio complessivo sarà dunque superiore al 10%, e si andrà ad aggiungere alla riduzione, già proposta dall’Assemblea Legislativa, di oltre 1 milione di euro delle spese di funzionamento della stessa.

Molto resta ancora da fare, ma questo ulteriore segno concreto, che peraltro segue precedenti provvedimenti della Giunta regionale all’insegna della riduzione dei costi della politica e della promozione di una maggior efficienza della macchina istituzionale, dimostra la volontà di procedere all’insegna del buon senso e del buon esempio, per restituire alla politica dignità, credibilità e la sua funzione, che è quella di promuovere, alimentare e costruire la speranza.

Una politica oggi smarrita e spesso alla ricerca di un senso, che ha smarrito la vita e perciò letteralmente senza sensi (non sente, non vede, non parla, non annusa, non assapora, non tocca).

Vogliamo contribuire a cambiare una cultura ormai diffusa e radicata nella società che vede nella politica un mestiere e non un servizio, e lavorare ogni giorno per garantire a tutti il primo dei diritti: il diritto al futuro. La politica come costruzione ed organizzazione della speranza.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Una proposta concreta per ridurre i costi della politica: tagli a vitalizi, rimborsi e indennità

  • Meglio Superospedali supertecnologici connessi alle Università, con diagnostica strumentale 24 ore su 24, ubicati sulle tangenziali di ogni capoluogo, dotati di eliporto e collegati con ambulanze con postazioni fisse nei centri cittadini satelliti, con controllo nazionale centralizzato delle risorse organizzative, umane, energetiche, delle spese, delle statistiche e comparazioni e delle procedure sanitarie con facoltà di miglioramento dei protocolli dalle periferie al sistema sanitario nazionale. Più trasparenti, economici, funzionali e soprattutto salutari, che uno sciame infinito di ospedalotti, covo di partitopoli, appaltopoli, parentopoli, burocrati, parassiti, assenteisti e illeciti di ogni genere, e impestati dalla malasanità.
    http://www.facebook.com/pages/Una-lobby-del-popolo-contro-le-caste/115402845227361