A fianco dei pendolari romagnoli

Stamattina alle 7.30 i pendolari del comitato RomBo (Romagna – Bologna) si sono ritrovati alla stazione di Faenza per denunciare i problemi del trasporto su rotaia. La loro disamina è stata netta e circostanziata: “I treni spesso sono in ritardo, la pulizia è carente, gli orari invernali si prospettano tragici, i tagli ai trasporti incombono: a farne le spese sono quotidianamente i pendolari della tratta romagnola, studenti e lavoratori, costretti volenti o nolenti a subire disservizi diventati inaccettabili e in aumento”.

Al loro fianco i Consiglieri regionali del PD Damiano Zoffoli, Thomas Casadei e Mario Mazzotti, presenti per ascoltare e condividere le denunce, e per testimoniare il loro impegno concreto nel tentare di modificare questo stato di cose.

I pendolari chiedono di essere messi a conoscenza della bozza del nuovo orario ferroviario; di far rispettare il Contratto di Servizio con Trenitalia; di intervenire sulla tratta Rimini-Bologna per modulare il passaggio dei treni in modo che esso risponda più puntualmente alle esigenze di lavoro e di vita delle persone che fruiscono di questo servizio. – affermano Casadei, Mazzotti e Zoffoli – Come Consiglieri regionali del PD, assieme ai nostri colleghi romagnoli Alessandrini, Fiammenghi, Pariani e Piva, ci impegneremo per questi tre obiettivi”.

“Purtroppo i segnali che arrivano da Roma e dal Governo sono tutt’altro che incoraggianti. – proseguono i Consiglieri – Il bilancio della nostra Regione, solo nel 2011, dovrà fare i conti con 341 milioni di euro in meno. Tra i settori maggiormente interessati dai tagli ci sono la viabilità (meno 60 milioni per la manutenzione di circa 2000 km di strade in capo alle Province) e il trasporto pubblico locale (meno 80 milioni per i servizi ferroviari e meno 18,4 milioni per la sostituzione del parco autobus). Tra treni e autobus è a rischio, in media, una corsa su sei. In Emilia-Romagna il trasporto pubblico, su ferro e su gomma, urbano ed interurbano, muove ogni giorno oltre 1 milione di persone. Aumentano i bisogni, calano le risorse e bisogna, oggi più che mai, usarle bene: in un momento di crisi è necessario investire in modo razionale sul sistema delle infrastrutture. Il Governo Berlusconi si ostina, invece, su inutili e costosissime opere, come nel caso clamoroso del Ponte sullo Stretto, oppure su operazioni finanziarie caricate interamente sulle spalle dei contribuenti, come nel caso dell’Alitalia (e probabilmente di Tirrenia)”.

La nostra presenza alla manifestazione odierna è il segno tangibile dell’impegno che profonderemo affinché le richieste dei pendolari romagnoli possano trovare risposte positive. – concludono Casadei, Mazzotti e Zoffoli – Chi vive e lavora in questa terra non deve essere penalizzato da politiche del Governo Berlusconi miopi e non più sostenibili”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.