I Consiglieri regionali, con una risoluzione, chiedono ascolto per le richieste dei pendolari romagnoli

Nella seduta odierna dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna è stata presentata, dal Gruppo PD, una risoluzione che affronta il tema del pendolarismo regionale, con specifica attenzione alla tratta Rimini-Bologna e al territorio romagnolo. Con questa risoluzione i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli, Thomas Casadei e Mario Mazzotti, assieme ai colleghi Alessandrini, Fiammenghi, Pariani e Piva, si fanno portavoce delle istanze espresse dal Comitato RomBO.

Nella risoluzione viene evidenziato il fatto che la Regione Emilia-Romagna ha investito molto in materia di trasporto pubblico e che le politiche regionali sono ispirate dalla volontà di favorire la partecipazione degli utenti e dei pendolari. In questo contesto si colloca la stessa nascita del CRUFER, che svolge funzioni di monitoraggio per la qualità del servizio di trasporto pubblico e che in questi anni ha guadagnato sempre maggiore credito e rappresentatività tra cittadini e utenti, arrivando all’adesione complessiva di 15 realtà tra comitati pendolari e associazioni di consumatori-utenti tra i quali, appunto, anche il Comitato RomBO.

Per proseguire sul percorso intrapreso i Consiglieri ritengono necessario rilanciare con forza un dialogo costruttivo, nel rispetto dei diversi ruoli e funzioni tra l’Assessorato alla Mobilità della Regione Emilia-Romagna e il CRUFER, soprattutto alla luce dei tagli imposti dalla manovra finanziaria del Governo nazionale.

La manovra ha infatti tagliato, per il 2011, 80 milioni di euro alla Regione Emilia-Romagna nel settore dei servizi ferroviari e questo, inevitabilmente, rischia di compromette ulteriormente un servizio che invece richiederebbe nuovi importanti investimenti.

La risoluzione invita la Giunta a sostenere con forza, in sede di confronto con Trenitalia, le richieste espresse dai pendolari romagnoli dettagliatamente illustrate durante la manifestazione svoltasi a Faenza lo scorso 20 ottobre, alla presenza di Sindaci e Amministratori.

Nel testo si chiede che i pendolari ottengano la bozza relativa al nuovo orario invernale in tempi utili alla presentazione di eventuali proposte di emendamento e di proseguire nei lavori del tavolo regionale sulla mobilità che riunisce Regione, Comuni, Province, Aziende di trasporto, Trenitalia, Sindacati e Associazioni degli utenti, per trovare soluzioni adeguate e sostenibili per la “buona mobilità”: questo anche attraverso un ripensamento del sistema complessivo.

Inoltre si chiede con forza il pieno rispetto del Contratto di Servizio che, in diversi casi, viene disatteso a causa di ritardi, soppressioni o chiusure di carrozze con condizioni igieniche non soddisfacenti; e di intervenire sulla modulazione del trasporto pendolari nella tratta Rimini-Bologna in modo da rendere il passaggio dei treni più consono alle reali esigenze dei fruitori.

La risoluzione si conclude con la richiesta alla Giunta regionale di un impegno straordinario nel chiedere al Governo di rivedere radicalmente la politica insensata dei tagli al trasporto pubblico: una linea che rischia di affossare un settore strategico per lo sviluppo e la gestione sostenibile dei territori.

E’ possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.