In piena crisi economica il Governo sostenga non solo le banche ma anche l’economia reale, i lavoratori e le famiglie in difficoltà. La Regione Emilia-Romagna sta già facendo la propria parte

«Davanti alla pesantissima crisi economica che sta investendo l’Italia è necessario che il Governo metta in campo soluzioni diverse, concrete, per far fronte alla situazione». E’ quanto sostiene una risoluzione presentata dal Gruppo PD ed approvata dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, che ha posto l’accento sull’esigenza che l’esecutivo nazionale cambi passo, pena il far pagare a imprese, famiglie e lavoratori – anche emiliano-romagnoli – un prezzo salatissimo.

«Le rilevazione ISTAT ci segnalano un Paese in cui 14 milioni di lavoratori guadagnano meno di 1300 euro al mese, dove il 15% delle famiglie fatica ad arrivare a fine mese, il 10% è in ritardo con i pagamenti delle utenze e un altro 10% non può far fronte alle spese mediche; un Paese dove riprende a crescere la disoccupazione, con un picco del ricorso alla cassa integrazione» spiegano i Consiglieri regionali del Pd Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi.

«Dal canto suo la Regione Emilia Romagna non è rimasta inerme – sostengono Zoffoli e Lucchi – e ha avviato da tempo un confronto costante con il Tavolo dell’Economia che ha prodotto iniziative concrete e condivise a favore dell’imprese. È di questi giorni, infatti, la proposta alle banche di un patto anti recessione per favorire interventi immediati per il credito agevolato e la messa a disposizione di 50 milioni di euro, a partire da gennaio 2009, per dimezzare i tassi di interesse sui progetti di investimenti delle imprese. L’intervento sarà svolto assieme ai Consorzi Fidi».

«Ci sembra, poi, utile proporre, alle società di gestione dei servizi pubblici locali, di effettuare un intervento straordinario sulle tariffe, di durata biennale, per attutire gli effetti della crisi sulle famiglie e l’anticipo, rispetto ai tempi usuali, dei pagamenti della pubblica amministrazione e del Sistema Sanitario a tutte le imprese fornitrici di beni e servizi. Inoltre le misure che il Governo ha previsto nella manovra di bilancio e nel DPEF e quelle fino ad ora annunciate non appaiono sufficienti ad affrontare in modo strutturale una così grave crisi economica – proseguono i due Consiglieri del Pd – E’, ad esempio, dei giorni scorsi la protesta dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose che ha constatato come i tagli dell’esecutivo nazionale al Fondo per le famiglie, istituito dal precedente Governo, ammontino addirittura al 32%; fondo che garantiva, con 330 euro a disposizione delle famiglie con 4 figli a carico, un supporto per le tariffe sempre più pesanti e inique nei confronti delle famiglie numerose».

«È indispensabile, pertanto, che il Governo metta immediatamente a disposizione il Fondo per la competitività, già istituito nella precedente legislatura con dotazione di 1 miliardo di euro, non ancora attivato; affianchi interventi a sostegno delle imprese e dell’economia reale; intensifichi, con i provvedimenti della legge di bilancio 2009, le azioni mirate a sostenere i lavoratori colpiti dalla crisi, le famiglie e il sistema di coesione sociale» concludono Lucchi e Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.