In Commissione approvato il Regolamento per il volontariato di Protezione civile

La Commissione “Territorio Ambiente Mobilità”, presieduta da Damiano Zoffoli, a voti unanimi, ha giudicato lo schema di regolamento in materia di volontariato di protezione civile, conforme alla L. R. n. 1/2005 “Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell’Agenzia regionale di Protezione civile”.

Il provvedimento, atteso da tempo, in applicazione della legge, definisce le modalità per l’iscrizione e la cancellazione delle organizzazioni di volontariato dal relativo elenco regionale; i criteri e le modalità di erogazione dei contributi e del rimborso spese alle organizzazioni impiegate; i compiti, la composizione e le modalità di designazione, nomina e funzionamento del Comitato regionale di coordinamento del volontariato di protezione civile.

In base al regolamento è “organizzazione di volontariato di protezione civile” ogni organismo liberamente costituito, senza fini di lucro, inclusi i gruppi comunali che, avvalendosi prevalentemente di prestazioni personali volontarie e gratuite dei propri aderenti, concorre assieme alle componenti istituzionali e alle strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile alle attività di previsione, prevenzione, soccorso in eventi calamitosi.

Sull’attività generale della Protezione civile in Emilia-Romagna il presidente Zoffoli ha preannunciato un’informativa dell’Assessore Paola Gazzolo, che illustrerà 6 Piani, per un impegno finanziario di circa 40 milioni di euro, che riguardano più di 100 Comuni, tra questi anche i 7 della Valmarecchia recentemente aggregati alla nostra Regione.

Illustrando il regolamento, il direttore della Protezione civile regionale, Demetrio Egidi, ha tenuto ad evidenziare che scaturisce dal confronto con le associazioni di volontariato e con gli Enti locali e che ha tenuto sostanzialmente conto dell’esperienza di circa 9 mesi fatta all’Aquila da 3000 volontari e 500 funzionari delle amministrazioni locali emiliano-romagnole. “Alla qualità di quel lavoro – ha puntualizzato Egidi – si deve il Diploma di benemerenza di prima classe che il Presidente della Repubblica consegnerà all’Emilia-Romagna”.

Tra le novità più significative del Regolamento, Egidi ha citato: l’elenco regionale delle associazioni di volontariato; i requisiti concertati per farne parte (tra questi, la disponibilità H24); il peso dato alla formazione. Particolarmente significativo è anche l’art. 8, che prevede che il pubblico rimborsi i costi dei volontari (per questo fine sono stanziati circa 300.000 euro l’anno).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.