Passare dall’agenda di speranza al laboratorio Italia

La Settimana Sociale dei Cattolici che si è svolta nei giorni scorsi a Reggio Calabria e ha visto partecipare anche una delegazione della nostra Diocesi di Cesena-Sarsina si è conclusa con un invito chiaro: “Passare dall’agenda di speranza al laboratorio Italia”.

A mio avviso è necessario che i cattolici tornino ad essere protagonisti di questo tempo, sì difficile, ma aperto a cambiamenti insperati; si rimettano a pensare e provino a stare al centro delle questioni e dei processi, per contribuire a governarli.

La prima sfida che abbiamo di fronte è come uscire dalla crisi della partecipazione e della democrazia. Ciò richiede iniziative che riattivino nei territori il circolo virtuoso tra conoscenza e azione. “Fare laboratorio”, e dunque ritrovarsi attorno ai problemi di gruppi di cittadini, per ri-animare la politica. Un’occasione di confronto, anche su questi temi, può essere l’incontro “Verso una sussidiarietà circolare? Il welfare, il ruolo del terzo settore e il percorso del federalismo” organizzato per giovedì 4 novembre (ore 20:30, sala E. Cacciaguerra della Banca di Cesena, Viale Bovio 72), all’interno del ciclo di iniziative “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità” con l’intervento di Edoardo Patriarca, Segretario del Comitato Scientifico e Organizzatore delle Settimane Sociali.

La riforma del welfare e il futuro della democrazia, infatti, hanno destini, obiettivi e modalità d’intervento comuni.

Il vecchio modello di welfare, che pure ha avuto il merito di sostenere lo sviluppo nei primi decenni della Repubblica, ormai ha il fiato corto: non solo per le risorse sempre più scarse, ma per la complessità e la pluralità delle situazioni che chiedono flessibilità, capacità di risposta, qualità e personalizzazione dei servizi.

Parlare di welfare è parlare di bene comune, è parlare di solidarietà, di sussidiarietà, di famiglia e di una nuova politica sociale.

Esiste una pluralità di opere e istituzioni gestite da enti privati e organizzazioni sociali. Le stesse società di mutuo soccorso, gli ospedali, le banche, le università e le istituzioni assistenziali sono nate sotto il segno del “civile”. Nel tempo recente, poi, è bene ricordare le comunità di accoglienza per i tossicodipendenti, le case famiglia, il sostegno a distanza, le associazioni familiari, i gruppi di acquisto solidale, il banco alimentare, il microcredito e le imprese sociali. Sono tutte opere sociali civili.

È possibile investire su questo straordinario capitale sociale che oggi, nella società dell’usa e getta e del fai da te, rischia di depauperarsi? È possibile, anche nel territorio cesenate, investire su una più forte alleanza tra sociale e politico?

Penso di sì! È possibile “fare laboratorio” a partire dalle tante e buone esperienze e realtà che già oggi ci sono, e operano nel nostro territorio pur senza fare notizia. È possibile dar vita, su progetti comuni, a nuove sinergie finalizzate ad una paziente ricostruzione di legami e relazioni.

Questo richiede, ne sono consapevole, l’umiltà da parte della politica (e dei politici) di riconoscere i propri limiti e il coraggio di cambiare.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.