No alla cancellazione delle detrazioni per la riqualificazione energetica degli edifici! Presentata una risoluzione

La manovra finanziaria del Governo, approvata la scorsa estate, non ha rifinanziato la detrazione fiscale del 55% per le riqualificazioni energetiche degli edifici. Si tratta di una misura che, in tre anni, ha consentito a 600 mila famiglie di migliorare l’efficienza energetica delle proprie abitazioni, con un conseguente effetto benefico sull’inquinamento dell’aria, mettendo in moto un fatturato di circa 12 miliardi di euro, offrendo opportunità di lavoro a migliaia di persone. Una ricerca realizzata da Enea e Cresme, che sarà pubblicata a breve, evidenzia inoltre che i benefici economici apportati dalle detrazioni (10,3 milioni di euro) sono di gran lunga superiori ai costi relativi al mancato gettito fiscale (6,5 milioni di euro).

La decisione del Governo ha suscitato una forte ed unanime preoccupazione nelle Istituzioni locali, nelle Associazioni di categoria ed in quelle impegnate nella difesa dell’ambiente, poiché comporta una drastica contrazione negli investimenti nel settore della riqualificazione edilizia, con effetti a catena su tutti i comparti imprenditoriali interessati.

La climatizzazione degli edifici – osserva Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità – assorbe oltre un terzo delle risorse energetiche di origine fossile consumate annualmente nel nostro Paese, e ciò principalmente a causa delle caratteristiche del nostro patrimonio edilizio, composto da edifici obsoleti, progettati e costruiti, anche negli ultimi decenni, secondo standard di rendimento energetico del tutto inadeguati rispetto alle attuali esigenze di contenimento dei consumi e delle emissioni climalteranti”.

Evidenziato che il quadro normativo comunitario ed internazionale (20-20-20, protocollo di Kyoto) impone politiche adeguate, e che la green economy ha rappresentato e rappresenta uno strumento capace di attenuare gli effetti della crisi economica che ha colpito pesantemente il settore delle costruzioni, la risoluzione invita la Giunta regionale a sollecitare il Governo affinché venga assicurato il mantenimento della detrazione fiscale del 55% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica degli edifici e chiede anche che siano individuate le opportune modalità utili a stabilizzare tale meccanismo.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.