Ribelli per amore. Anche oggi.

Una triplice sfida: di resistenza, di liberazione e di innovazione.

Ribelli, così ci chiamano, così siamo, così vogliamo essere, ma la nostra è anzitutto una rivolta morale. È rivolta contro un sistema e un’epoca, contro un modo di pensiero e di vita, contro una concezione dell’esistenza. Non vi sono liberatori, ci sono solo uomini che si liberano”. (Teresio Olivelli)

Che cos’era per noi la Resistenza? La Resistenza è stata innanzitutto una intima profonda scelta morale, compiuta dai giovani e dai non giovani.
Una scelta difficile per un impegno che si sentiva sorgere dal profondo della coscienza: una scelta fra assistere passivamente e subire gli eventi o cercare di assumersi le proprie responsabilità, coi rischi connessi, per orientare il senso della storia, delle vicende storiche che stavamo vivendo, per l’affermazione di alcuni fondamentali valori nei quali credevamo, perché radicati nella nostra coscienza.
Potevamo essere dei ribelli? Era lecita la rivolta? Noi non potevamo agire né per vendetta, né per calcolo, né per odio, ma solo per giustizia e per amore.
Ribelli perché non avevamo nulla da difendere ma il dovere di segnare con la rivolta la nostra radicale separazione e avversione. Ribelli per il dovere di essere non passivi testimoni di quel fallimento ma attori impegnati a indicare con amore la linea di una nuova più giusta, più vera, più cristiana convivenza umana.
Dovevamo essere presenti per amore di quel mondo nuovo che tutti sognavamo a cui ognuno offriva tutto se stesso perché portasse il segno della propria fede e della propria idea
”. (Benigno Zaccagnini)

Con queste parole, Benigno Zaccagnini e Teresio Olivelli (capo partigiano di cui è in corso il processo di canonizzazione), descrivono la Resistenza come “rivolta dello spirito”, come guerra di liberazione e come mobilitazione civile contro l’occupazione del paese, come impegno personale in vista della creazione di una nuova società. Un periodo storico in cui il popolo si è sentito protagonista della storia, e i “ribelli” hanno affrontato con generosità la dura prova.

C’è bisogno, anche oggi, di una nuova resistenza, culturale e morale, come alternativa ad un silenzio ipocrita e ad una passiva accettazione dei processi in atto?

Penso di sì! Ribellarci per amore è, anche oggi, un imperativo morale irrinunciabile.

Ribellarci per voltare pagina e per cambiare l’Italia è la nostra missione.

Ribellarci per ritrovare la politica perduta, per restituire alla politica la sua dignità, la sua sobrietà, la sua funzione, che è quella di promuovere, alimentare e costruire la speranza.

Una politica oggi smarrita e spesso alla ricerca di un senso, che ha smarrito la vita e perciò è letteralmente senza sensi (non sente, non vede, non parla, non annusa, non assapora, non tocca).

Infatti la politica è sorda, non sente e non ascolta le domande dei cittadini; è cieca o tutt’al più miope, non vede lontano e insegue affannosamente le emergenze, spesso le mode, i desideri e addirittura le voglie, anziché prevedere e risolvere i problemi; è muta o parla un linguaggio incomprensibile, incapace di dare voce al nuovo, ai fermenti più innovativi della società; ha perso il fiuto e l’olfatto, non distingue il profumo del bene e del giusto dal marcio del male e del malaffare; ha perso il gusto per le cose nuove, la voglia di assaporare e conoscere in profondità, anche per evitare le semplificazioni e gli slogan, i cambiamenti e le trasformazioni della società complessa nell’era della globalizzazione. Prevale infatti la cultura dell’immagine, con i suoi frutti: i suoi prodotti solo OGM, belli a vedersi senza nessun sapore. Una politica, infine, senza tatto, distante, incapace di toccare con mano e di farsi carico della vita delle persone, a partire dagli ultimi, i più silenziosi, i vecchi e nuovi poveri.

Una politica, perciò, schiava dell’economia, del consumo e delle televisioni, che attende di essere liberata per ritrovare la speranza. Speranza che non è il facile ottimismo, non è una statistica, un oroscopo, un pronostico, ma è il frutto di un processo, di un lavoro quotidiano, di quello che considero l’unico riformismo possibile: la rivoluzione del quotidiano. Un lavoro che presuppone una triplice sfida, che è al contempo di resistenza, di liberazione e di innovazione.

La prima sfida consiste in una doppia resistenza: da un lato, ad una visione nostalgica di un passato che non ritorna, dall’altro, ad un presente incapace di futuro, che sceglie perciò il consumismo e l’usa e getta. Usa e getta le cose, le idee, i programmi, i partiti e, inesorabilmente, le persone. Si tratta di due forme moderne di disperazione.

La seconda sfida consiste in un lavoro di liberazione: la sfida della libertà. Liberi, dunque, ma liberi per, non tanto e non solo di e da. Una libertà che noi concepiamo in relazione, una libertà che presuppone un’assunzione di responsabilità non solo verso se stessi, ma anche verso il mondo che ci circonda. La società, quindi, dei doveri oltre che dei diritti.

Infine la terza sfida: l’innovazione dello stile e del linguaggio. Meno politichese, una lingua che i cittadini non capiscono; più vicinanza alle persone, più concretezza nella soluzione dei problemi, rimettendo al centro il bene comune e l’interesse generale del Paese, e superando la logica amico-nemico che peraltro, in questi anni, si è dimostrata funzionale solo al mantenimento dello status-quo.

“La speranza – diceva Sant’Agostino – ha due bellissimi figli, lo sdegno e il coraggio: lo sdegno per le cose che non vanno e il coraggio come condizione dell’anima per cambiarle” e se è vero che l’Italia ha un gran bisogno di ritornare a sperare, è necessario il nostro impegno, semplice ma convinto, per far sì che al nostro Paese non manchino mai lo sdegno e il coraggio.

Ribelliamoci per amore, per costruire una proposta politica che guarda avanti, e nasce non solo in vista delle prossime elezioni, ma in vista delle prossime generazioni per garantire a tutti il primo dei diritti, il diritto al futuro.

Tocca anche a noi provare a cambiare le cose, con umiltà e coraggio, mettendoci testa, cuore e scarpe.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Ribelli per amore. Anche oggi.

  • Roberto Casali

    Sono le parole che mi piacerebbe avere detto. Sono le cose che mi dispiace di non avere fatto. Piace anche a me sognare che stia incominciando la ribellione di chi è sdegnato ma portatore di speranza e di alte idealità.

  • alessandro

    Bravo Damiano. Condivido in toto quel che hai scritto. Portarlo avanti fra parole scritte, dette, e fatti compiuti,sarebbe già da “ribelli”.
    cari saluti.A.