Approvato, in Commissione, il progetto di legge su legalità e semplificazione, per sconfiggere le infiltrazioni mafiose e premiare le aziende responsabili

La Commissione Territorio Ambiente Mobilità, presieduta da Damiano Zoffoli, ha approvato, a maggioranza, il progetto di legge per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata. Il pdl, che passerà ora alla discussione in aula, mira a impedire le infiltrazioni mafiose e l’alterazione della concorrenza in un settore economico centrale come quello dell’edilizia: un tema che in Emilia-Romagna è purtroppo sempre più di attualità. Secondo i dati dell’Agenzia del Demanio ci sono, in Regione, 22 aziende e 66 beni immobili (di cui 25 a Forlì-Cesena, 7 a Ravenna e 2 a Rimini) che sono stati confiscati alla criminalità organizzata. Numeri che mettono l’Emilia-Romagna al 4° posto della classifica delle regioni del nord con maggiori beni confiscati, subito dopo Lombardia (655 beni confiscati), Piemonte (121) e Veneto (78).

Soddisfazione per il risultato raggiunto arriva dai Consiglieri romagnoli Damiano Zoffoli e Tiziano Alessandrini (relatore): “Anche la nostra Regione non è più un isola felice e questo progetto di legge, che si incardina pienamente nel programma di legislatura del Presidente Errani, affronta un tema sentito nel nostro territorio. Il pdl è divenuto velocemente una realtà concreta grazie al lavoro svolto dalla Commissione: in tempi rapidi e dopo varie consultazioni con i diversi soggetti della società civile (istituzioni, organizzazioni economiche e sindacali, …) la Commissione ha arricchito il testo con una serie di aspetti innovativi. Tra questi l’obbligo di presentazione del certificato antimafia anche nel settore privato e l’istituzione di un albo volontario, la cosiddetta White List, grazie al quale le imprese che avranno determinati requisiti verranno premiate con punteggi da spendere negli appalti e con un aiuto sul piano degli adempimenti“.

“La legge, infatti, – proseguono i Consiglieri – oltre ad affrontare il tema della legalità si incarica di dare un segnale concreto sul piano della semplificazione degli adempimenti necessari da parte delle aziende. Le imprese che si uniformeranno a determinati parametri verranno agevolate con il superamento del cartaceo. Tutto avverrà in via telematica, con un grande risparmio in termini di costi e di tempi. Con questa Legge, poi, la Regione diventerà un osservatorio sugli appalti e sugli investimenti pubblici: una volta stabiliti degli standard generali e raccogliendo informazioni dettagliate (sul tipo di impresa, di cantiere e dei mezzi che vi entrano) sarà possibile notare gli eventuali comportamenti difformi di determinate aziende, che verranno subito segnalate agli organi competenti.”

“Vogliamo inoltre sottolineare – concludono Zoffoli e Alessandrini – un altro importante aspetto innovativo: per la prima volta, un progetto di legge cerca di interpretare nel modo più adeguato possibile il dettato UE Small Business Act per le piccole imprese che potranno così partecipare ai grandi appalti, perché le stazioni appaltanti dovranno scorporare i lotti e non ci saranno più solamente appalti giganteschi. Questo elemento garantirà l’eliminazione di una parte dei tanti subappalti che sono terreno fertile per le infiltrazione criminali.”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.