In Commissione i Piani d’emergenza 2010 della Protezione civile

Nell’informativa sui Piani regionali di emergenza 2010, svolta ieri dalla Giunta durante la seduta della Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” presieduta da Damiano Zoffoli, non poteva mancare un riferimento all’aiuto prestato, proprio in questi giorni, al Veneto allagato.

Dal 4 novembre scorso, in risposta alla richiesta della Regione Veneto, le attrezzature della Colonna mobile emiliano-romagnola (modulo rischio idraulico) e squadre di intervento, formate da tecnici e volontari della Protezione civile, hanno lavorato per 6 giorni consecutivi, con turni H24, nei comuni padovani di Veggiano, Bovolenta e Casal Serugo, prosciugandone velocemente i territori allagati e dimostrando anche in quest’occasione rapidità ed efficienza.

L’Assessore alla sicurezza territoriale Paola Gazzolo, accompagnata da Demetrio Egidi, direttore dell’Agenzia di Protezione civile dell’Emilia-Romagna, ha illustrato i 7 Piani d’emergenza 2010 predisposti dalla struttura regionale, in attuazione delle ordinanze del Governo, relativi a:

– interventi di ripristino dei danni provocati da piogge e mareggiate eccezionali nell’aprile 2009, che hanno interessato il piacentino, il parmense e alcune zone della costa;
– interventi di ripristino dei danni conseguenti alle nevicate del dicembre 2009 e gennaio 2010, che hanno coinvolto tutte le 9 province dell’Emilia-Romagna;
– rimodulazione (che riguarda Parma e Reggio) degli interventi, previsti da 3 piani precedenti, per il terremoto del dicembre 2008;
– interventi urgenti di Protezione civile e difesa del suolo relativi a 2 eventi di crisi di rilievo regionale, avvenuti nel 2008 (piogge intense ed eventi alluvionali, dal 18 maggio 15 giugno, nelle province di Bo-Fe-Mo-Pr-Pc-Re; piogge e forte vento, il 30 ottobre, nelle province di Pr-Pc-Re-Ra-Fc-Rn) su cui la Regione ha già messo circa 2 milioni e 700 mila euro ai quali quest’anno si aggiungono 2 milioni e 500 mila euro dello Stato;
– potenziamento dei centri di protezione civile sul territorio, con la creazione di ulteriori 29 strutture diffuse su tutte le 9 province della Regione;
– progetto per contenere lo sversamento di idrocarburi nel Lambro e nel Po;
– progetto per il terremoto in Abruzzo.

I Piani hanno un costo di circa 50 milioni di euro (ripartito tra Stato, Regione ed Enti locali), ed interessano oltre 200 comuni dell’Emilia-Romagna. L’Assessore ha elogiato l’efficienza del sistema di Protezione civile e del ruolo che in esso svolge l’Agenzia, ed ha insistito sulla necessità di potenziare, assieme alle strutture dell’emergenza, anche le attività di messa in sicurezza e difesa del suolo.

Su questo, il direttore Egidi ha ricordato che le piogge di questi giorni non hanno causato criticità in Emilia-Romagna anche per il lavoro di messa in sicurezza, svolto negli anni precedenti, su alcuni nodi idraulici particolarmente vulnerabili (ad es. quello di Modena) e per il monitoraggio costante dei fiumi maggiormente a rischio (Panaro, Secchia, Reno, Po, Ongina, Arda, Enza).

Per il Presidente Zoffoli, dal lavoro svolto dalla Regione, dall’Agenzia, dalle Amministrazioni locali, dagli enti di settore e dalle associazioni di volontariato, emergono elementi positivi che vanno sottolineati. È infatti un lavoro collettivo e condiviso, caratterizzato da efficienza, impegno delle Istituzioni, uso tempestivo e corretto delle risorse, partecipazione di volontari e cittadini. Il presidente, richiamando un’esperienza personale (l’alluvione di Cesenatico del 1996, epoca in cui era Sindaco della città), ha tenuto a sottolineare che, anche sul fronte della messa in sicurezza del territorio, molta strada è stata fatta, ed i risultati sono visibili. Zoffoli ha concluso esprimendo l’auspicio che vadano ulteriormente valorizzati gli strumenti che caratterizzano l’attuale gestione condivisa degli interventi di protezione civile, in modo da rendere ancora più forte la coesione territoriale della nostra Regione.

È possibile scaricare il documento di sintesi dei PIANI REGIONALI DI EMERGENZA, anno 2010, predisposti dall’Agenzia Regionale di Protezione Civile, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.