Bisogna ripensare l’intera società nel nome della sussidiarietà

“Siamo un paese senza risorse e con un debito elevatissimo. Quei premi Nobel che dicevano indebitatevi, tanto la ricchezza crescerà sono stati smentiti clamorosamente. Abbiamo una spesa sociale sbilanciata sulla previdenza e, nonostante questo, i ragazzi di oggi saranno fortunati se riusciranno ad andare in pensione con il 25-30 per cento della retribuzione. E con l’attuale sbilanciamento demografico, questo Paese rischia di scomparire”.

Uno scenario da far tremare le vene ai polsi quello tratteggiato da Edoardo Patriarca, Segretario del Comitato Scientifico delle Settimane Sociali, Consigliere del Cnel e dell’Agenzia per le Onlus. Intervenuto a Cesena giovedì 4 novembre al ciclo di incontri “La Buona Politica”, promosso dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli, Patriarca si è confrontato con i presenti sulla cosiddetta “sussidiarietà circolare” e sul ruolo del terzo settore nel welfare degli anni a venire.

“Negli ultimi anni, oltre alle crisi economica, alcune cose sono peggiorate per i provvedimenti del Governo ma non si può dare sempre la colpa a Roma. Bisogna ripensare l’intera società nel nome della sussidiarietà, soprattutto ora che si è imboccata la strada del federalismo. Con la riforma dell’articolo 118 della Costituzione questo cammino è stato intrapreso. Il rischio è che a un tipo di centralismo lontano se ne sostituiscano altri 20 più vicini. L’articolo 118, però, favorisce l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà. È questa la chiave che permette il ripensamento dello Stato sociale verso un welfare più vicino ai cittadini. La politica deve recuperare la sua funzione: non gestire direttamente, ma garantire la qualità dei servizi. Smettendo di guardare con sospetto l’autorganizzazione delle famiglie e delle imprese in questo campo”.

L’attivismo della società civile, per Patriarca, non può e non deve essere confuso con il fai-da-te: “Non stiamo parlando di privatismo o privatizzazione del sociale bensì di una chiamata alla responsabilità dei cittadini. Il nuovo sistema pubblico, in senso ampio, dovrà mettere in circolo tutte le risorse nascoste e le buone pratiche già in atto. Se non saremo in grado di reinventarci il territorio, in uno scenario di risorse decrescenti e di squilibrio demografico, rischieremo lo smantellamento del welfare esistente”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Bisogna ripensare l’intera società nel nome della sussidiarietà

  • Sabrina

    Purtroppo non ho avuto modo di partecipare all’incontro, non mi è molto chiaro
    un passaggio..
    Gradirei sapere, cosa si intende esattamente per autorganizzazione delle
    imprese in ambito sociale e da cosa deriva il sospetto della politica?

    Grazie per il chiarimento,

    Sabrina