Idee nuove, cuori nuovi, scarpe vecchie

“Il Pd parli tre lingue: italiano, inglese e dialetto”.

La VOCE di Romagna – mercoledì 10 novembre 2010.

CESENA – Non gli piace essere bollato come un “rottamatore”. Non è “innamorato” del sindaco di Firenze, quel Matteo Renzi che, assieme ad altri giovani democratici, domenica scorsa ha dato vita ad una grande convention in riva all’Arno. Ma all’iniziativa “Prossima fermata Italia” ha partecipato e parlato dal palco. Il consigliere regionale Damiano Zoffoli, assieme ad un gruppo di cesenati, è stato a Firenze perché crede e vuole un “Partito Democratico coraggioso, aperto, capace di innovare, che affascina e che attrae”.

Nei 5 minuti che ha avuto a disposizione cosa ha detto?

La mia parola chiave è stata: ribelli per amore, anche oggi. E’ una frase dei partigiani cattolici che hanno fatto la Resistenza. Ribelli perché, a mio parere, davanti alla società di Lele Mora dobbiamo creare un’alternativa. Si sono separati i diritti dai doveri, le libertà dalle responsabilità, il guadagno dal lavoro e dalla produzione. Ci dobbiamo ribellare a questo modello e creare un’altra società che tenga uniti tutti questi punti.

E cosa farebbe per pensionare la società stile Lele Mora?

Quando dico Lele Mora, dico Berlusconi. Noi abbiamo chiaro che per cambiare bisogna proporre una strada credibile, concreta, fattibile. Ci sono tre questioni: le famiglie con figli, il lavoro e il destino dei precari, il tema della solidarietà. Si tratta di riformare lo stato sociale, di rendere più protagonista la società civile, di valorizzare il tema della cooperazione, del coinvolgimento. Si deve restituire protagonismo ai cittadini e riavvicinarli alla politica. Come centro sinistra dobbiamo riappropriarci di parole come libertà e sussidiarietà che la destra ci ha rubato.

A proposito di parole, ma non è che con questi discorsi poi la gente non riesce a seguirvi e a capirvi?

Il tema del linguaggio non è secondario. Io dico sempre che il Pd deve parlare tre lingue: l’italiano, avendo ben in mente che la Repubblica è una; l’inglese, perché dobbiamo essere un partito aperto al cambiamento e all’Europa; e il dialetto, la lingua della gente per stare vicino alla gente. Basta con il politichese. A Firenze si è parlato un linguaggio comprensibile e si sono utilizzati i nuovi strumenti di comunicazione, come Facebook, per ampliare la discussione.

Allora ce lo dica semplicemente, cosa serve a questo Pd?

Idee nuove, cuori nuovi, scarpe vecchie. Questo è il mio slogan. Coraggio, innovazione, passione civile e apertura agli altri, le scarpe vecchie indicano la capacità di stare sul territorio, di camminare con la gente.

E da Firenze che contributo arriva per il partito?

Chiariamo subito le cose, qui non si tratta mica di una corrente. A Firenze c’erano molte persone sconosciute alla politica, amministratori locali, cittadini da tutta Italia, senza una particolare settorialità. E non credo che questa energia vada messa in contrapposizione all’esperienza del Pd. Dico solo che i circoli democratici devono essere aperti a raccogliere questa realtà.

Ma anche lei che è stato sindaco di Cesenatico per due mandati ed è alla seconda legislatura in Regione si sente un rottamatore?

Rottamazione è una brutta parola, soprattutto se riferita alle persone. Per quanto riguarda me mi sono sempre misurato col consenso, ritengo perfetta la legge sui sindaci che non possono fare più di due mandati: dieci anni sono sufficienti per lavorare e dimostrare le proprie idee. Una delle proposte di Firenze è di applicare lo statuto del Pd: dopo tre mandati non è più possibile fare il parlamentare, dopo due il consigliere regionale e il sindaco.

Il Pd cesenate è stato piuttosto freddo rispetto alla manifestazione di Firenze e lo stesso sindaco Lucchi non ha condiviso le posizioni del collega Renzi. Come se lo spiega?

Ma no, il tema è quello di coinvolgere nel percorso politico e di mettere in moto tutte le energie di cambiamento che ci sono.

Maicol Mercuriali

"IDEE NUOVE, CUORI NUOVI, SCARPE VECCHIE"

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.