Giovani immaturi: è così o conviene solo ai grandi?

Gli adulti restii a lasciare le posizioni acquisite. Invece oggi c’è bisogno di allenatori.

C’è un pregiudizio, talvolta nemmeno troppo nascosto, che riguarda i giovani. Ed è un pregiudizio tutto italiano. Un pregiudizio che tende a vederli come coloro che devono ancora crescere, come coloro che non hanno le capacità per gestire in autonomia situazioni anche complesse.

Questo pregiudizio nasce dalla barbosità di certe persone che vedono nella loro raggiunta “veneranda” età e nella loro posizione conquistata con fatica, e magari anche con qualche spintarella, il metro di giudizio con cui squadrare dall’alto in basso chi, giovane e grintoso, si affaccia ad insidiare lo scranno su cui sono sedute.

Attenzione. Parlo di giovani. Se i trentenni, però, possono essere definiti tali. Perché a rigor di logica, un trentenne dovrebbe essere colui che regge ed innova, con la sua energia vitale, la società. Colui che predispone una società a misura di anziano, dove chi raggiunge l’età della vecchiaia possa essere accolto ed onorato per tutto quello che ha fatto. Perché questa sarebbe una società attenta al bene comune.

Invece accade il contrario. Siamo costretti a parlare dei giovani trentenni. Della loro esclusione, della precarietà, della loro mancanza di valori. Eppure, tutti ne parlano, ma nessuno li mette alla prova. Come reagirebbero i giovani di fronte ad un coinvolgimento totale? Come reagirebbero se qualcuno decidesse di farsi da parte per far crescere dei giovani accanto a lui? Siamo sicuri che non avrebbero le capacità per rispondere positivamente alle responsabilità affidate loro? Se nessuno prova, non credo si possa dare una risposta. E quei pochi esempi che ci sono, mi pare dimostrino che i timori di alcuni nei confronti delle giovani generazioni siano infondati. E il dubbio che questi pregiudizi siano messi in giro solo per istinto di conservazione di chi da decenni calca la scena come protagonista rimane. E si fa pressante.

Qualcuno dovrebbe convincersi che c’è un tempo per ogni cosa, come ci mostrano notevoli pagine bibliche. C’è un’età in cui si può giocare bene a calcio, un’età in cui si può fare il centravanti. E c’è un’età in cui questo non è più possibile. Ma è possibile però, e necessario, fare l’allenatore.

Oggi mi pare manchino gli allenatori. In compenso abbiamo uno stuolo enorme di centravanti, centravanti da sempre, da decenni. Dopo un po’, anche ai più grandi talenti, il fiato comincia a mancare. Anche perché il sapersi ripensare, e ricollocare, traendo il meglio di sé da ogni stagione della vita è segno di sapienza. Sapienza che pare oggi manchi come manca in molte parti della società quel valore fondamentale che vede nel far crescere i più giovani forse il mestiere più bello ed importante che ci sia.

Cristian Carrarawww.cristiancarrara.it

(tratto da piùvoce.net – lunedì 15 novembre 2010)

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Giovani immaturi: è così o conviene solo ai grandi?

  • Bellissime riflessioni
    Le faremo girare nel nostro network aclista.
    Quanto hai ragione: i primi da educare siamo noi adulti
    Grazie Cristian
    ciao Luciano Acli Forlì-Cesena