La collaborazione tra cacciatori, agricoltori e ambientalisti è possibile

No alla privatizzazione della caccia. Le tasse venatorie tornino ai territori.

Il dialogo tra cacciatori, associazioni ambientaliste e mondo agricolo è possibile in nome della tutela della fauna e del territorio. E può dare risultati concreti, come il ritorno del lupo nell’alto imolese. È quanto è emerso ieri nel corso del convegno “Le politiche per la gestione della fauna selvatica, dell’ambiente e del territorio dell’Emilia-Romagna” promosso dal Gruppo assembleare Partito Democratico della Regione Emilia Romagna e svoltosi a Imola alla presenza di circa duecento intervenuti.

In 30 anni – ha spiegato Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente della Regione – il numero dei cacciatori si è sensibilmente ridotto, mentre la fauna è accresciuta. Occorre quindi cercare un nuovo equilibrio, indispensabile per contrastare la pressante presenza di ungulati e storni“.

Al Consigliere regionale Mario Mazzotti il compito di sviluppare e argomentare la posizione del PD: “nell’attuale maggioranza che governa il Paese si scontrano due posizioni. La prima è ultra liberista, vorrebbe una caccia priva di regole, in netto contrasto con le normative europee. La seconda è quella portata avanti dal ministro Brambilla che propone l’abolizione dell’art. 842 del Codice Civile che prevede la possibilità di entrare nei fondi privati, nel rispetto di regolamenti precisi, per esercitare l’attività venatoria. Se verrà meno questa possibilità avremo la privatizzazione della caccia, cioè potrà essere praticata solo dai proprietari terrieri o in riserve a pagamento. A scapito del valore sociale della caccia e del controllo faunistico. Sono maturi i tempi per porre con forza il tema del ristorno alle Regioni di ciò che gli spetta, vale a dire il 50% dei proventi delle tasse di concessione governativa provenienti dal territorio. La nostra Legge regionale sull’attività venatoria è tra le più avanzate e certamente contribuisce a favorire una caccia programmata e cogestita”.

Nel dibattito, molto costruttivo, sono intervenuti rappresentanti delle associazioni venatorie, ambientaliste e dell’agricoltura. La loro posizione è stata riassunta da Danilo Treossi, coordinatore del Tavolo regionale agro-venatorio-ambientale: “Le associazioni venatorie, ambientaliste e del mondo agricolo hanno messo a punto per questo convegno un documento. Siamo contrari all’abolizione dell’art. 842 e quindi a vietare l’accesso ai fondi privati: un provvedimento che comprometterebbe la programmazione faunistica. Chiediamo di mobilitarci affinché lo storno venga inserito tra le specie cacciabili. Le tasse di concessione, come ha detto anche il Consigliere Mazzotti, devono tornare sul territorio”.

Le conclusioni sono state tratte dall’Assessore regionale all’Agricoltura e all’Attività faunistico-venatoria, Tiberio Rabboni: “non sottovalutiamo quanto sta cercando di far passare il Ministro Brambilla, perché tende a mettere in discussione il modello che abbiamo nella nostra Regione che si basa su programmazione e cogestione, elementi che hanno consentito una forma di equilibrio tra le diverse esigenze. Teniamo conto che i nostri calendari venatori non sono mai stati impugnati e le delibere sulla caccia in deroga quest’anno, per la prima volta, non hanno avuto opposizioni. Diamo valore a questa esperienza. A livello nazionale si è costituito un tavolo, come quello presente in Emilia-Romagna, tra cacciatori, ambientalisti e agricoltori: è un punto di riferimento per contrastare la posizione del Ministro Brambilla. Certamente ci sono anche problematiche da affrontare come quello degli ungulati in collina e montagna, ma anche qui stiamo lavorando, in accordo con l’Ispra, per dare una risposta al problema, chiedendo la collaborazione di Province, Atc, Parchi. L’incontro di oggi conferma che la nostra forza sta nella collaborazione tra gli attori in campo, che è il presupposto per una gestione del territorio sempre più corretta“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to La collaborazione tra cacciatori, agricoltori e ambientalisti è possibile

  • mauro

    condivido in parte,il sottoscritto non vuole andare a caccia senza regole, anche se le regole in questo paese vengono continuamente calpestate da chi purtroppo dovrebbe dare l’esempio. Comunque tornando alla caccia, mi basterebbe esercitarla nel modo , nelle forme e nei tempi degli altri cittadini Europei, visto che fino a prova contraria facciamo parte della Comunità Europea. Grazie

  • raffaele

    vorrei fare capire a tutta questa gente perke ci continuate a massacrarci di leggi e di parolacce cosa facciamo di male….. pratikiamo esercizio venatorio in regola senza recare danni a nessuno non siamo dei bracconieri . amici cacciatori facciamoci valere e facciamo capire a questa gente ke non capisce un c….. lottiamo altrimenti la nostra passione finisce. raff foggia

  • L’esercizio della caccia non può più essere rappresentato come esigenza della società o rimedio per l’agricoltura. Esattamente come è ora di finirla con le cacce in deroga. La caccia è uno sport destinato all’estinzione se davvero tutti ci teniamo a questo pianeta ed a chi lo popola. I politici si devono fare carico di porre rimedio agli errori ed alle promesse fatte in questi anni che hanno avuto facile presa nel mondo venatorio. Il pianeta è in grave difficoltà si pensi quindi di più alla conservazione e non all’egoismo contingente.
    A dimostrazione del mio assunto ricordo che nella pianura cesenate il 50% degli appostamenti fissi o temporanei per la caccia in deroga allo Storno sono tutti FUORI REGOLA non avendo nelle vicinanze alcuna produzione agricola da preservare.
    Per Cinghiali si attuino quelle politiche di contenimento delle specie che prevedono il rimborso dei danni impiegando personale specializzato. Saluti
    sandro brina

  • Fringui

    La Brambilla, caro assessore Rabboni, avrà tutti i difetti di questo mondo, ma sta portando avanti una sensibilità che è ormai radicata nella maggioranza dei cittadini italiani: la contrarietà alla caccia. Ma evidentemente il volere del popolo non vi interessa.

  • La Brambilla, personaggio che si può apprezzare oppure no, in questo caso penso abbia ragione. L’abolizione dell’articolo che permette ai cacciatori il PRIVILEGIO di entrare impunemente in proprietà private, sarà prima o poi soppresso. E’ un elementare passo avanti di civiltà. Chi pensa che questo equivalga alla privatizzazione della caccia penso sia in completa malafede. Basta adibire spazi pubblici e REGOLATI per l’esercizio della attività venatoria, e non si può più parlare di privatizzazione. Queste battaglie retrograde non fanno onore al PD, ed in effetti sono incalcolabili i voti che fanno perdere, considerato che dagli ultimi sondaggi ben il 69% degli italiani sarebbero per proibire la caccia tout-court, quindi assolutamente non apprezzano posizioni ideologiche di questo tipo al servizio di cacciatori che si spacciano per ambientalisti.