“LA GREEN ECONOMY IN ITALIA” – Le proposte del Partito Democratico

Chi governa deve avere a cuore massimamente la bellezza della città, per cagione di diletto e allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e accrescimento della città e dei cittadini” (Costituto di Siena del 1309).

Se c’è un campo in cui è maggiore la distanza tra Partito Democratico e centrodestra questo è quello delle politiche ambientali; è evidente nelle tradizionali politiche di salvaguardia del nostro ambiente e della salute dei cittadini. Basti pensare alle varie sanatorie dell’abusivismo edilizio, al rilancio di una fonte impegnativa sul piano economico e dai molti problemi aperti come il nucleare, al taglio delle risorse per la difesa del suolo, al rischio di indebolire la lotta contro i crimini ambientali e le ecomafie con le norme legate alle intercettazioni telefoniche o al processo breve. Anche nell’ultima manovra economica di Governo è mancata qualsiasi idea di politica ambientale avanzata.

(…)

Per continuare a leggere (e scaricare) il documento programmatico del Partito Democratico “LA GREEN ECONOMY IN ITALIA”, elaborato dall’on. Ermete Realacci, clicca qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.