Dalla Regione oltre 300 mila euro per gli investimenti in attività culturali ai Comuni di Cesena e Mercato Saraceno

“La Regione riconosce lo spettacolo, aspetto fondamentale della cultura regionale, quale mezzo di espressione artistica, di formazione, di promozione culturale, di aggregazione sociale e di sviluppo economico”. Richiamando, con queste parole, la Legge regionale sullo spettacolo (L.R. 13/1999), il Consigliere Damiano Zoffoli rende noto, con soddisfazione, che è stato approvato (delibera n. 1626/2010 – Programma triennale per lo spettacolo) il finanziamento ai due Comuni romagnoli.

Si tratta di contributi, per un totale di 306.196,00 euro, a favore di due importanti progetti che hanno così visto riconosciuta la loro valenza al di fuori dei confini comunali:

• ristrutturazione e messa in sicurezza di Palazzo Dolcini a Mercato Saraceno (240.000,00 euro);
• interventi relativi alla conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico dello spettacolo e attrezzature per la mediateca del Centro San Biagio del Comune di Cesena (66.196 euro).

“Il sistema dello spettacolo dell’Emilia-Romagna, fondato su una solida rete di enti, istituzioni, esperienze, centri e sale, è diffuso in tutto il territorio e radicato nella storia civile e culturale della nostra Regione. È caratterizzato da un’offerta ricca e articolata e da un’affluenza di pubblico tra le più alte in Italia. La Regione Emilia-Romagna si inserisce in questa rete promuovendo la produzione, la circuitazione degli eventi, la mobilità e la formazione del pubblico; perseguendo la più ampia partecipazione degli spettatori e un’equilibrata distribuzione dell’offerta culturale nel territorio regionale. A tal fine incentiva la collaborazione fra soggetti pubblici, enti operanti nel settore dello spettacolo e soggetti privati” prosegue Zoffoli.

Entro il 1 febbraio del 2011 sarà poi possibile presentare nuovi progetti alla Regione per ottenere i finanziamenti (per spese di investimento) inerenti alla terza annualità del triennio 2009-2011.

Le azioni che potranno godere dei finanziamenti regionali sono:

• predisposizione, restauro, adeguamento e qualificazione di sedi ed attrezzature destinate ad attività di spettacolo;
• acquisto e installazione di attrezzature tecnologiche;
• conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico dello spettacolo.

Sarà un’altra occasione messa a disposizione dalla nostra Regione. Un’occasione da non perdere, per portare ossigeno alla rete dello spettacolo romagnolo che, come nelle restanti parti d’Italia, rischia di pagare pesanti contributi alla crisi economica e alla politica di tagli messa in atto dal Governo” conclude il Consigliere Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.