Licenziate, in Commissione, le linee guida per gli impianti solari fotovoltaici a terra

La soddisfazione dei Consiglieri regionali del Partito Democratico in Commissione “Terrritorio Ambiente Mobilità”.

Dopo sette lunghi anni di silenzio da parte del Governo nazionale, in data 10 settembre 2010 era stato emanato il Decreto contenete le linee guida per l’installazione d’impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

In conformità a queste direttive la Regione Emilia-Romagna si é tempestivamente attivata e oggi ha licenziato, durante la seduta della Commissione “Territorio Ambiente e Mobilità”, presieduta da Damiano Zoffoli, il documento relativo alle linee guida per l’individuazione delle aree e dei siti per l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica, mediante l’utilizzo della fonte energetica rinnovabile solare fotovoltaica.

Questo provvedimento, arricchito dai contributi di Comuni, Province, Associazioni di categoria e Sindacati, rappresenta il giusto equilibrio tra le esigenze del territorio, le legittime aspettative di produttori e agricoltori, e la salvaguardia e tutela del paesaggio, con una specifica attenzione alle zone marginali, come l’Appennino, che potranno trovare la corretta dimensione della valorizzazione, nel rispetto delle specificità territoriali delle loro zone.

Le nuove disposizioni si applicano, fatti salvi i procedimenti già conclusi alla data di approvazione del presente provvedimento (che sarà all’ordine del giorno della prossima Assemblea Legislativa, già convocata per lunedì 6 dicembre) e quelli che, alla medesima data, risultino formalmente avviati per effetto della presentazione dell’istanza di autorizzazione unica ovvero del sostitutivo titolo abilitativo.

Non sono soggetti alle disposizioni della delibera i procedimenti per l’installazione degli impianti che, alla data di approvazione della stessa, siano già stati ammessi a finanziamento pubblico.

Qualora l’impianto sia realizzato da un’azienda agricola, la superficie occupata dall’impianto fotovoltaico non potrà superare il 10% della superficie agricola disponibile, la potenza nominale complessiva dell’impianto sarà pari a 200 Kw più 10 kw di potenza installata (eccedente il limite dei 200kw) per ogni ettaro di terreno posseduto e fino ad un massimo di 1 Mw.

Per quanto riguarda i Comuni montani valgono le indicazioni previste per la pianura fatta salva la deroga alla necessità di contiguità degli appezzamenti di terreno, che possono essere separati. Il richiedente dell’impianto può essere una persona o un ente terzo rispetto al proprietario dei terreni.

Oltre i 1200 metri, infine, sono previsti solo impianti per autoconsumo.

È un passaggio tampone, ma comunque importante, che cerca di organizzare e mettere ordine in un ambito che per troppo tempo è stato lasciato in balia di sé stesso, in attesa che nei primi mesi del nuovo anno siano definite dalla Regione le linee guida sull’intero sistema delle fonti rinnovabili.

È possibile scaricare il testo della delibera di Giunta avente per oggetto “PRIMA INDIVIDUAZIONE DELLE AREE E DEI SITI PER L’INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE L’UTILIZZO DELLA FONTE ENERGETICA RINNOVABILE SOLARE FOTOVOLTAICA”, così come licenziato dalla Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” in data 1 dicembre 2010, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Licenziate, in Commissione, le linee guida per gli impianti solari fotovoltaici a terra

  • Davide Caminati

    Ciao Damiano,
    Leggendo la delibera di Giunta mi sono molto rammaricato di come sia stato interpretato il “sostegno alle attività agricole”
    non credo che la costruzione di campi fotovoltaici (fino a 1Mw) sia in nessun modo coniugabile con l’attività agricola.
    Credo che a poco serva il limite del 10% dell’utilizzo del terreno agricolo per l’installazione dei Pannelli a Terra.
    Sappiamo benissimo che l’installazione di questi pannelli non è certo per l’autoconsumo, se cosi fosse sarebbe stato scritto nella norma(ma immagino che non potevate farlo), semplicemente è il business del momento, che come è prassi consolidata vista la mancanza di una vera Imprenditoria, riesce solo a Consumare una risorsa (limitata è scritto nel documento) per ricavarne profitto, per poi passare ad un altra risorsa (l’acqua ad esempio) in un gioco perverso chiamato dai più stolti Modernizzazione o Progresso.
    Non siate voi politici, dei meri esecutori/attuatori di scelte di altri!
    Le scelte che dovete fare sono ben più coraggiose di queste, usate l’immaginazione, voi dovreste disegnare un futuro per tutti, non chiedeteci di credere alla favola del Fotovoltaico drogato di eco-incentivi. presto la dose di incentivi terminerà e tanta gente inizierà a chiedersi/vi come avevate in mente che dovesse essere il futuro, orrendi campi di Silicio, belli solo per coloro che incassano soldi con il conto energia, ma brutti e inutili per tutti gli altri.
    Se vogliamo produrre energia, usiamo i tetti e non i giardini, grazie.

    Davide Caminati (Cesena)