Firmato, dalla nostra Regione, un “patto” per la mobilità elettrica

Un “patto”, il primo in Italia, tra Enel e una Regione, l’Emilia-Romagna, per lo sviluppo della mobilità elettrica. Una scelta per rendere le città più vivibili, sostenibili e meno inquinate.

Il protocollo prevede la realizzazione di tre progetti pilota basati sullo sviluppo di un’infrastruttura per la ricarica di veicoli elettrici, pubblici e privati, per il trasporto di persone e merci a Bologna, Reggio Emilia e Rimini.

Cosa prevede l’accordo
È prevista da parte di Enel l’installazione di circa 60 infrastrutture (che rappresentano una parte del sistema) per ricaricare i veicoli elettrici, suddivise fra i tre Comuni. La rete di ricarica verrà definita con un lavoro congiunto di pianificazione che tenga conto delle esigenze degli utilizzatori, dei flussi di traffico cittadino, dei regolamenti in vigore per la mobilità, delle specificità dei trasporti pubblici e delle caratteristiche urbane della città coinvolte nel progetto.

I tre progetti pilota verranno quindi sviluppati con un programma congiunto che prevede l’individuazione dei contenuti della sperimentazione, la redazione di un piano di mobilità elettrica per ogni città e la definizione dei relativi investimenti nelle infrastrutture di ricarica, un piano di implementazione che includa lo sviluppo reti, il piano di introduzione delle auto/flotte, la selezione dei clienti per la sperimentazione e il customer management; infine, l’impostazione del monitoraggio dei risultati, che permetterà poi di preparare il piano di estensione del programma complessivo.

La sperimentazione è aperta agli altri servizi sul territorio, il protocollo infatti prevede una possibile integrazione con soluzioni tecnologiche per il riconoscimento e l’autenticazione con diversi metodi di pagamento e con sistemi di infomobilità e di gestione della sosta.

I veicoli elettrici utilizzati per le sperimentazioni saranno alimentati almeno per il 50% con energia certificata Recs, un sistema di certificazione internazionale per lo sviluppo delle fonti rinnovabili come acqua, sole, vento e calore della terra. Enel assisterà inoltre la Regione ed i Comuni nei rapporti con le case automobilistiche più impegnate nei progetti di mobilità elettrica, con cui ha già sviluppato o si vorranno sviluppare accordi di cooperazione e progetti pilota.

Secondo quanto previsto dal protocollo, la Regione ed i Comuni coinvolti si impegnano a studiare, ed eventualmente sviluppare e integrare all’interno del programm, altre iniziative di mobilità elettrica, anche attraverso collaborazioni e intese con aziende, enti, associazioni di categoria, Università e centri di ricerca.

Punto qualificante del protocollo, l’individuazione e la proposta di misure di ordine regolatorio, normativo e amministrativo che incentivino e semplifichino l’uso della mobilità elettrica, anche presso gli organi nazionali competenti: il Ministero dell’Ambiente, il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Autorità per l’energia elettrica e il gas.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.