Difendere ciò che c’è di buono nell’esistente è importante, ma non basta: la strada da percorrere è quella della qualità

Il peggiore errore in campo ambientale? Pensare che, passata la crisi, si possa continuare ad adottare lo stesso stile di vita di un tempo. In questo caso business as usual suonerebbe come una condanna per tutti. Parola di Ermete Realacci, responsabile nazionale green economy del Partito Democratico: “Il nemico da combattere è quello del ha da passa’ ‘a nuttata, cioè che le stesse persone tornino a fare le stesse cose”.

Il deputato toscano ha chiuso, la settimana scorsa, nella sala Cacciaguerra della Banca di Cesena, il primo ciclo di incontri “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità” promosso dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli, parlando di “Ambiente, green economy e nuova occupazione”.

Da Realacci una analisi lucida della situazione attuale e qualche segnale di speranza: “Di questi tempi è importante difendersi dalla crisi ma anche ragionare sull’economia del futuro, su “che tipo di economia vogliamo costruire” per riprendere le parole dell’enciclica Caritas in veritate. In questo l’Italia deve fare l’Italia. Deve, cioè, valorizzare una ricerca in stretto legame con il territorio”.

Eppure i provvedimenti del Governo non sembrano proprio andare in questa direzione: “La volontà di cancellare il 55 per cento di detrazioni d’imposta per interventi di risparmio energetico – ha spiegato Realacci – non ha senso. Al tempo del governo di centro-sinistra, come Presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera, fui uno dei padri di questo provvedimento assieme all’allora Ministro Bersani. Questa legge, della quale hanno beneficiato 840mila famiglie, ha fatto emergere tanto lavoro nero, ha giovato allo Stato ed ha creato occupazione: 50mila posti di lavoro l’anno. Si può dire che il 55 per cento” sia stato il vero Piano Casa mentre quest’ultimo, annunciato dal Governo Berlusconi in pompa magna, non è stato in grado di produrre granché. In Lombardia, per fare un esempio, le domande sono state appena 170”.

Difendere ciò che c’è di buono nell’esistente, come il 55 per cento, è importante ma non può certo bastare: “La strada da imboccare è quella della qualità, un percorso che l’Italia ha già percorso con successo in passato. Pensiamo solo al settore del vino. Nel 1986, dopo decenni di competizione tutta giocata sul basso prezzo e sulla bassa qualità, ci furono decine di morti per vino adulterato al metanolo e le aziende vinicole furono investite dal crollo delle vendite. Quell’episodio, però, causò un deciso cambio di rotta, con la riscoperta di tanti vitigni autoctoni e dell’importanza di una produzione legata al territorio di riferimento. Oggi l’Italia produce il 40 per cento in meno del vino prodotto negli anni ’80, ma questo vale 5 volte di più”.

Esempi d’eccellenza non mancano in tanti altri settori, dalle concerie dell’Arno capaci di padroneggiare al meglio i processi chimici di lavorazione del cuoio (studiate per questo con estremo interesse dal Governo cinese) alle aziende lombarde e piemontesi che hanno eliminato il piombo dai rubinetti, attirando l’attenzione dello stato della California.

Una politica attenta e virtuosa dovrebbe prendere esempio dalle buone pratiche, per imboccare con coraggio la strada di una economia verde in grado di garantire posti di lavoro qualificati: “In Germania la sola Siemens – ha aggiunto Realacci – investe ogni anno in questo settore più di quanto facciano tutte le aziende italiane nel complesso. Ora i tedeschi stanno concentrando la loro attenzione in Africa, con un progetto solare-termico nel deserto in grado di generare energia e dissalare l’acqua rendendola potabile. L’Italia potrebbe benissimo rivolgere la sua attenzione a questa sponda del Mediterraneo”.

L’impressione invece è che il Governo attuale, in perfetta coerenza con la propria miope linea politica, sia interessato all’Africa settentrionale solo come frontiera di respingimento dell’immigrazione.

“L’Italia avrebbe tutte le potenzialità per produrre all’ombra dei nostri campanili cose che piacciano a tutto il mondo. Per questo mi piace ricordare una frase scritta, in lingua volgare, nella costituzione senese del 1309 e che sembra anticipare, di una trentina d’anni, l’affresco del Buongoverno di Lorenzetti: “Chi governa deve avere massimamente a cuore la bellezza della città, per cagione di diletto e allegrezza ai forestieri, per onore, prosperità e accrescimento della città e dei cittadini”. Se non perderemo di vista questo punto potremo uscire dalla crisi migliori di prima”.

Per dare “allegrezza ai forestieri”, ad ogni modo, una comunità non deve perdere la propria identità: “Solo chi è certo della propria identità può accogliere. La xenofobia, l’attacco al diverso, sono il frutto di chi essendo privo d’identità cerca di costruirsene una in contrapposizione a qualcun altro”.

Realacci non si è sottratto alle domande dei presenti, anche su temi spinosi come l’utilizzo dell’energia nucleare: “La ricerca nucleare può continuare verso la quarta generazione – ha spiegato – una tecnologia impossibile da usare a fini militari e che promette di rendere impossibili gli incidenti riducendo, al tempo stesso, quasi del tutto le scorie. Il problema è che il Governo vuole ritornare al nucleare di terza generazione, una tecnologia sorpassata, piagata dal problema delle scorie e dai costi in continuo aumento. Tanto che, nel mondo, chi ha già delle centrali attive sceglie di prolungarne il ciclo di vita e tranne rari casi non si costruiscono nuovi impianti”.

Più possibilista Realacci è su tecnologie contestate da una certa parte del mondo ambientalista, come l’eolico: “Io tengo molto al paesaggio, ma il paesaggio si può modificare. Nel medioevo le torri di San Gimignano cambiarono lo skyline di quel Comune e non certo in peggio. Per questo bisogna fare attenzione a progettare delle buone pale eoliche. La scelta di grandi architetti di dedicarsi alla progettazione di pale interessanti dal punto di vista del design è un’ottima notizia”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.