Progetto di legge per il taglio dei costi della politica regionale, all’insegna del buon senso e del buon esempio

Ha iniziato il suo iter in Commissione, e approderà in Aula prima della fine dell’anno, il progetto di legge sulla riduzione dei costi della politica.

La proposta, elaborata dal Gruppo del Partito Democratico e condivisa da tutta la maggioranza di centrosinistra, entrerà in vigore dal 1 gennaio 2011 e prevede:
– la riduzione del 10% delle spese per l’indennità dei Consiglieri regionali in tutte le sue voci (base, diaria, funzione);
– l’abolizione del modello forfettario di calcolo del rimborso chilometrico per la partecipazione alle riunioni istituzionali (che diventa a piè di lista, rapportandosi alle reali presenze dei Consiglieri);
– l’abrogazione del vitalizio a partire dalla prossima Legislatura.

I Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna – afferma Damiano Zoffoli (PD) – rispetto ai pari grado di altre Regioni hanno la retribuzione più bassa d’Italia. Nonostante questo sono i primi a decidere di ridurla ulteriormente. Per quanto riguarda poi l’abrogazione dell’istituto del vitalizio siamo di fronte ad un atto di straordinaria importanza perché la nostra Regione è la prima ad intervenire in maniera netta sulla questione. Una scelta che si fonda su un atto concreto di giustizia dettata non solo dal momento di crisi ma, in primo luogo, da un principio di uguaglianza: ciò che una persona normale, un lavoratore, impiega per avere un sostegno previdenziale sarà quello che serve anche ad un Consigliere regionale per ottenere la pensione”.

“Questo progetto di legge – conclude Zoffoli – è coerente con quanto avevo promesso pubblicamente in campagna elettorale e riflette un’idea di sobrietà che deve contraddistinguere chi è chiamato, a tempo determinato, a svolgere un’attività istituzionale. È un esempio concreto, all’insegna del buon senso, anche per la politica nazionale”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Progetto di legge per il taglio dei costi della politica regionale, all’insegna del buon senso e del buon esempio

  • Condivido, anche se lo sforzo è appena percettibile è dimostra solo la volontà di creare presupposti per non farsi attaccare da chi ha stipendi e salari (se non li ha addirittura persi) insufficienti. Lo condivido perchè per essere approvato dalla maggioranza dell’Assemblea regionale deve essere non troppo drastico, anche se non mi illudo che possa essere il primo passo per un ridimensionamento dei trattamenti attuali da “Casta” ma che rimanga solo un episodio che presto sarà riassorbito dai regolamenti in essere che le persone normali non si sognano neppure.

  • rodolfo zambelli

    Bene Consigliere, da affezionato lettore del Tuo sito plaudo alla iniziativa ed aggiungo: se questo è l’inizio e non può che essere tale (per non essere considerata una operazione di immagine pura e semplice), la condivido. Ma resta tutto il “parco” della pubblica amministrazione e collegati da sforbiciare. Poi ci sarebbe una operazione molto importante a livello nazionale di cui, temo, nessuno ha e non avra mai il coraggio di fare: la drastica diminuzione del numero dei parlamentari e dei gradini della pp.aa.. Ma questo livello so che non dipende da Te, mentre per il livello regionale: dopo la prima riduzione avvenuta rinunciando all’aumento dei consiglieri, che mi ha trovato molto d’accordo, penso che si potrebbe ancora “tagliare”, e senza dolore per la Istituzione. Coraggio dunque Ti sono idealmente vicino.
    grazie per la ospitalità.
    zambelli rodolfo.

  • Giampiero Casadei

    Bene, finalmente!… anch’io però non m’illudo… chi manovra sa ben studiare come rientrare… è sempre stato così… Ma, per la corruzione associata mi par a tutti gli appalti, i costi della politica sono ben maggiori di quelli alla luce del sole qui considerati… contro questa corruzione pervasiva e molto forte (ai tempi di mani pulite era il 5% dell’appalto… ora quanto è?…) la “casta tutta” mi par non faccia nulla, di fatto proteggendola, come se fosse una sua creatura… è un brutto segno, ahime… un km di autostrada fatto dai francesi o spagnoli par costi 7-8 milioni di euro, ma fatto da italiani il costo è 3-4 volte maggiore, e più. Così il costo del lotto zero della tangenziale di Cesena, di 1,2 km, sarà di 24 milioni (e poi ci sono gli adeguamenti che non mancano mai!..) Se fosse fatto da francesi o tedeschi, par sarebbe meno di 10 milioni. In quali tasche vanno gli altri 14 milioni?… qui quando si taglierà?… allora forse tornerebbero i tanti troppi soldi che invece ci mancano… Nella nostra Regione, chi e come fa la lotta a questa colossale corruzione?…