“DA CESENA A BOLOGNA UN RINNOVATO PATTO PER UN NUOVO SVILUPPO”

Per effetto della manovra finanziaria di Tremonti, nel triennio 2011-2013, l’intero sistema regionale (Regione, Province, Comuni) subirà una decurtazione di circa 1.250 milioni di euro; solo nel 2011 la nostra Regione dovrà fare i conti con 371 milioni di euro in meno.

Quelli del Governo Berlusconi sono tagli strutturali, lineari ed indiscriminati, in attesa di un federalismo, per ora, fatto solo di chiacchiere.

In questo quadro, in cui aumentano i bisogni e calano le risorse, la Giunta regionale ha approntato il Bilancio di previsione 2011 (entrate e uscite per 13.704 milioni di euro) puntando a contrastare, almeno in parte, gli effetti recessivi derivanti dalla manovra dello Stato e scegliendo di mettere in primo piano gli interventi a salvaguardia dell’ambiente, per il trasporto pubblico locale, a difesa dell’occupazione, a sostegno delle persone, delle famiglie e delle imprese.

Priorità, quindi, al welfare: alle politiche sociali sono destinati quasi 81,5 milioni di euro, 22 dei quali costituiscono un Fondo straordinario al quale potranno attingere i Comuni in crisi di risorse per effetto della diminuzione dei trasferimenti statali; la sanità potrà contare su quasi 8 miliardi di euro; viene inoltre incrementato, di ulteriori 31 milioni di euro, il fondo per la non autosufficienza, che supera così i 415 milioni di euro.

Priorità di cui discuteremo venerdì 17 dicembre, dalle ore 16:30, presso la Sala E. Cacciaguerra della Banca di Cesena, assieme alla Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Simonetta Saliera, e agli Amministratori locali del territorio cesenate.

Il bilancio regionale conferma, inoltre, la volontà di non introdurre ticket e di non incrementare il prelievo fiscale, in linea con gli indirizzi condivisi con la società regionale nel Patto contro la crisi, avviato con una dotazione di 520 milioni di euro per gli ammortizzatori sociali in deroga, e rinnovato nel 2010. Per il 2011 sono in corso le trattative per un accordo con lo Stato per il rifinanziamento degli stessi ammortizzatori sociali che la nostra Regione ritiene assolutamente indispensabile.

Il bilancio prevede poi il contenimento e la razionalizzazione della spesa di funzionamento dell’Ente Regione (oggi pari al 2,64% del bilancio), per un valore di 33,3 milioni di euro (meno 8,3% rispetto al 2010), e la riduzione delle spese relative alle società partecipate ed alle aziende regionali, per un importo di 10,6 milioni di euro. Da segnalare che il costo della politica incide per lo 0,28% sul bilancio regionale.

Continua anche la riduzione dello stock del debito della Regione (meno 55,84 milioni di euro rispetto al 2010): l’Emilia-Romagna è, tra le regioni a statuto ordinario, quella che presenta il più basso indebitamento pro capite (224 euro a fine 2009) e il più basso indebitamento su PIL regionale.

Fondamentale ed innovativo, infine, il progetto di legge predisposto dalla Giunta regionale sul sistema di governo della finanza pubblica territoriale: sarà garantito, a livello regionale, il rispetto del patto di stabilità verso lo Stato, nei confronti del quale la Regione si porrà quale unico interlocutore istituzionale e unico responsabile della corretta applicazione delle regole.

Ciò permetterà di superare gli assurdi vincoli dell’attuale patto, con l’inserimento di misure di flessibilizzazione che consentano ai Comuni e alle Province più virtuose della nostra Regione di utilizzare una parte delle risorse oggi non spendibili (rendicontate alla fine del 2008 per un valore di 1.192 milioni di euro) per nuovi investimenti e per il pagamento di lavori arretrati al sistema delle imprese.

Tutte queste scelte, condivise con l’intera società regionale, sono frutto non di un’impostazione ragionieristica, ma di politiche all’insegna della responsabilità e dell’innovazione.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to “DA CESENA A BOLOGNA UN RINNOVATO PATTO PER UN NUOVO SVILUPPO”