Presentate le nuove strategie per la gestione dei rifiuti e premiati i Comuni Ricicloni

Si è svolta martedì pomeriggio la presentazione della terza edizione dello studio “Comuni Ricicloni dell’Emilia-Romagna” sugli strumenti e le buone pratiche di raccolta differenziata, gestione e prevenzione dei rifiuti urbani, realizzato da Legambiente in collaborazione con Arpa e Regione.

All’iniziativa, oltre a Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione assembleare “Territorio Ambiente Mobilità”, sono intervenuti il dott. Giuseppe Bortone, Direttore generale “Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa” della Regione Emilia-Romagna e l’ing. Andrea Cirelli dell’Autorità per la vigilanza dei servizi idrici e di gestione dei rifiuti urbani.

L’indagine, relativa ai dati del 2009, è il frutto di un questionario di Legambiente al quale hanno dato risposta 109 Comuni del territorio regionale. La notizia migliore è che sono ormai tanti i comuni dove si differenzia oltre il 70% dei rifiuti.

Il convegno, oltre che per la presentazione dei dati e la premiazione dei Comuni più virtuosi, è stato l’occasione per parlare di scenari, strategie e obiettivi futuri della nostra Regione: l’Emilia Romagna è sicuramente tra le regioni più virtuose per il sistema integrato di gestione del ciclo rifiuti, per la qualità e la capacità impiantistica, per il buon sistema di regolazione, per gli obiettivi di riciclo raggiunti e per la governance tariffaria; tuttavia potremmo fare molto di più: vi sono ancora troppi abitanti a tassa, tanti Comuni con bassi livelli di raccolta differenziata e si smaltiscono in discarica ancora troppe tonnellate di rifiuti.

Le azioni future saranno in piena sintonia con il contenuto dell’ultima Direttiva Europea, in corso di recepimento nella normativa italiana, che ha stabilito con chiarezza la “gerarchia dei rifiuti” prevenzione; preparazione per il riutilizzo; riciclaggio; recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia; smaltimento.

Attraverso il Piano direttore dei rifiuti, uno strumento di pianificazione settoriale di livello regionale che conterrà criteri e indirizzi per aiutare il sistema delle autonomie locali a meglio definire le azioni da intraprendere in maniera tra loro integrata e in un’ottica di area più vasta, si lavorerà per realizzare una “società del riciclaggio” che sappia limitare la produzione e utilizzare i rifiuti come risorsa, promuovendo e diffondendo le eccellenze sul territorio.

Un’attenzione speciale sarà riservata a garantire che la gestione complessiva dei rifiuti, urbani e speciali, venga affrontata con trasparenza e nella massima legalità, assicurando la tracciabilità e il contrasto ai fenomeni malavitosi connessi al ciclo dei rifiuti, argomento tristemente di attualità.

È possibile scaricare le SLIDES degli interventi:
– “STRATEGIE FUTURE DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN EMILIA-ROMAGNA” di Giuseppe Bortone;
– “SCENARI FUTURI: POTREMMO FARE MOLTO DI PIÙ” di Andrea Cirelli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.