Approvato il Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna

Un salto di qualità politica, tecnica e di responsabilità delle istituzioni dell’Emilia-Romagna, che fa prevalere un’idea autentica di federalismo, permettendo al sistema istituzionale emiliano-romagnolo, e in particolare ai Comuni, di contare su risorse finanziarie aggiuntive e di poter meglio coordinare e governare i flussi di spesa pubblica. A tutto vantaggio dei cittadini e delle imprese della nostra Regione.

Il nuovo patto di stabilità territoriale punta a salvaguardare la qualità dei servizi, permettendo a Regione ed Enti locali di realizzare un programma di investimenti strategici adeguato e di poter disporre della flessibilità necessaria, grazie ad obiettivi definiti annualmente, rispetto alle esigenze e alle emergenze individuate.

Il rispetto del patto di stabilità sarà garantito unitariamente a livello regionale: la Regione si porrà, nei confronti dello Stato, quale unico interlocutore istituzionale per tutto il territorio e unico responsabile della corretta applicazione delle regole.

La legge prevede un nuovo sistema di governo della finanza pubblica territoriale per riequilibrare il livello di indebitamento per tutti gli Enti locali e definire gli interventi prioritari. Viene così delineato un nuovo sistema di relazioni, con la previsione di un unico obiettivo regionale, di misure di controllo dell’indebitamento e di rilancio degli investimenti estese anche ai Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti.

L’operazione mette a sistema i 189 Comuni, le 9 Province e la Regione (assoggettati alle regole del patto di stabilità interno) con un obiettivo unico territoriale per il 2011 stimabile in 2.247 milioni di euro.

“Siamo la prima Regione italiana che, sulla base di una chiara concertazione col sistema degli Enti locali, adotta un provvedimento di questa natura, basato sulla piena assunzione di responsabilità per la stabilità finanziaria. Noi siamo per un federalismo solidale, un federalismo della responsabilità. Il provvedimento, proposto dalla Giunta, è nato da un lavoro comune di grande consapevolezza politica e ha ricevuto il consenso di sindacati ed imprenditori. La legge è di grande importanza e utilità, soprattutto in questo momento, perché rende possibili gli investimenti e il pagamento delle opere pubbliche, fungendo da volano per l’economia e l’occupazione, liberando risorse ad oggi stimabili in circa 200 milioni di euro all’anno” ha dichiarato il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Approvato il Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna

  • imerio

    è da molto tempo che si sente parlare di aiuti alle piccole medie imprese, io ho una ditta individuale, artigiano edile iscritto all’albo a forlì-cesena. Per colpa di qualche mese di carenza di lavoro durante il quale i privati non possono permettersi di spendere soldi, e le grosse ditte cercano di far lavorare i propri operai , giustamente, prima di appaltare della manod’opera ad artigiani mi sono creato un piccolo debito con lo stato. le banche non mi rilasciano nemmeno un fido. ho la partita IVA da 10 anni e le banche non mi aiutano. i cantieri in zona sono tutti appalti di ditte mai viste e mai incontrate prima, tutta gente che viene da fuori provincia, da fuori regione, i più non parlano nemmeno Italiano. Contro chi devo combattere per trovare degli appalti se non voglio scendere in affari poco chiari con ditte che appaiono oggi e spariscono domani? Cerco di rispettare tutti gli oneri che la mia attività comprende, dalla sicurezza alla qualità del risultato finale ma questo è un’ostacolo quando devo confrontarmi con chi su queste cose economizza. Comunque sia ogni azione intentata per i piccoli artigiani o le piccole medie imprese, mi trovano e sempre mi troveranno in pieno accordo.
    Credo che un manager di una grossa società percepisca inutilmente rendite da capogiro senza effettivamente creare nulla, semplicemente facendo girare i guadagni frutto di lavoro di altri lavoratori. Questi ultimi infatti, e solo loro sono il vero motore economico di un paese! Bisogna smetterla di investire su chi il denaro lo fa girare e provare ad aiutare chi il denaro lo produce!Se dovesse venire a mancare il produttore cosa faranno girare poi i manager?
    Non sono cassaintegrato, non sono disoccupato (ho la partita IVA aperta) non percepisco alcuna forma di previdenza sociale. in più, come se non bastasse devo continuamente pagare le tasse in base a quello che è previsto che io possa guadagnare lavorando normalmente.
    Un Saluto e Tanti Auguri di Buone Feste!
    un’Artigiano Edile Deluso !
    Imerio Amadei

    • imerio

      mi replico da solo;
      ” La Regione investe sulle reti di imprese: oltre 1 milione e 300mila euro alle aziende in Provincia di Forlì-Cesena ”
      di questi investimenti a nome anche mio non vedrò un solo centesimo. 5 o 10 mila euro basterebbero alla mia ditta individuale per superare l’inverno senza incrementare il mio attuale debito.
      Il mio leggerissimo debito però sta fruttando all’equitalia che mi invia cartelle, alle banche che mungono interessi, ai clienti che mi vedono disposto, pur di lavorare, ad abbassare i prezzi.
      non pretendo che qualcun’altro lavori al posto mio ma che si consideri che questa crisi blocca il flusso delle mie entrate e che possa essere preso in considerazione nel mio studio di settore. Oppure che venga allestito un sito dove si propongano lavori anche ai singoli piccoli artigiani. O se questo sito esistesse già che venissero informati gli Artigiani della sua esistenza 😉
      Ho semplicemente voglia di lavorare e di pagare le mie tasse sentendomi parte della crescita del mio paese!
      Di nuovo, Auguri di lietissime Feste a tutti!
      Imerio Amadei

  • claudio pistocchi

    una lezione di liberalismo a chi ne parla solo enon lo fà mai un liberalismo che oltre a muovere l’evconomia non dimentica chi si trova in difficoltà e comunque solo facendo muovere l’economia è possibile rafforzare lo stato sociale