Progetto di legge di modifica della normativa regionale sulla raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi

I Consiglieri regionali del PD, primo firmatario Mario Mazzotti, hanno presentato un progetto di legge recante: “Modifiche alla legge regionale 2 settembre 1991, n. 24 – Disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi nel territorio regionale, in attuazione della legge 16 dicembre 1985, n. 752”.

Lo scopo della proposta è, in primo luogo, quello di rafforzare e rilanciare la vocazione “tartufigena” dell’Emilia-Romagna nella consapevolezza che questo settore, se adeguatamente sostenuto, può rappresentare un interessante volano per l’economia regionale. L’enogastronomia, i circuiti turistici di cui il nostro territorio è ricco, le iniziative specifiche dedicate al tartufo potranno contare su uno strumento in più.

Sono tre gli aspetti qualificanti della proposta di legge: il restyling normativo che recepisce il nuovo quadro delle competenze istituzionali nato dalla riforma del Titolo V; la necessità di coniugare la valorizzazione della tartuficoltura alla conservazione e tutela dell’ambiente in senso lato, in linea con la sensibilità ambientale che è ormai caratteristica imprescindibile di tutta la nostra programmazione regionale; il potenziamento del ruolo dell’associazionismo di settore, anche nel rapporto di interlocuzione che può svolgere nei confronti della Provincia, cioè l’ente preposto alle funzioni amministrative e programmatorie sul territorio.

“A sostegno di un impianto normativo più ricco ed articolato avremmo voluto che le entrate derivanti dal tesserino regionale fossero girate alle Province in maniera vincolata al sostegno e alla valorizzazione del settore, magari rivedendone al rialzo l’importo. Questo è però impedito dalla normativa nazionale, incongruente” ha sottolineato il Consigliere Damiano Zoffoli.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Progetto di legge di modifica della normativa regionale sulla raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi

  • alessandro

    Sono un ricercatore di tartufi da anni sarei interessato a sapere se nella proposta di legge e’ stata valutata la possibilita’ di aprire alla ricerca alcune zone delle pinete ravennati\ferraresi le quali sono comunque frequentate da molti ricercatori che rovinano le pinete non chiudendo i “buchi”, zappando sotto i pini…Forse sarebbe opportuno dare a tutti la possibilita’ di frequentarle in modo che siano piu’ controllate e obbligare ogni individuo in possesso di tesserino a svolgere regolare manutenzione attraverso giornate ecologiche.
    Cordiali saluti.

  • Caro Alessandro,
    il problema della raccolta nei parchi è in effetti molto sentito.
    Allo stato attuale non abbiamo introdotto variazioni (oggi sono i parchi, nel loro regolamento, a stabilire se la raccolta è possibile e con quali criteri), ma stiamo valutando con il Servizio regionale cosa si può fare.
    Se riuscissimo a fare funzionare davvero le consulte provinciali, molti di questi problemi sarebbero sicuramente risolti.
    Le pinete, però, sono al 95% di proprietà statale, dunque sono terreni su cui la Regione non può legiferare.
    Le segnalo che giovedì 3 febbraio è convocata un’udienza conoscitiva sul progetto di legge, a cui sono state invitate anche le associazioni dei tartufai.
    Un caro saluto e buona raccolta,
    Damiano Zoffoli