Buste paga più leggere per i politici regionali

Con il 2011 scattano i tagli ai costi della politica approvati dall’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna. Stipendi e indennità diminuite del 10 per cento per tutti i Consiglieri. Abolizione del vitalizio dalla prossima legislatura.

I politici della Regione Emilia-Romagna si sono ridotti lo stipendio. Il provvedimento, approvato dall’Assemblea Legislativa regionale prima di Natale, è entrato in vigore il primo gennaio. Vengono ridotte del 10 per cento le indennità dei Consiglieri in tutte le diverse voci: base, diaria e funzione. Scompaiono poi i rimborsi chilometrici forfettari, legati alle effettive presenze.

I Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna – ha affermato Damiano Zoffoli – avevano già la retribuzione più bassa d’Italia. Con questo provvedimento, coerente con quanto avevo promesso pubblicamente in campagna elettorale, sono i primi a ridurla ulteriormente. Si tratta di un esempio concreto, all’insegna del buon senso, anche per la politica nazionale”.

La convergenza è stata trasversale tra i gruppi politici. Al testo presentato dal Partito Democratico, e sottoscritto da Italia dei Valori, Sel-Verdi, PdL, Lega Nord e Udc, è stato abbinato un progetto di legge del Movimento 5 Stelle.

Nel 2010 l’indennità di carica lorda per i consiglieri regionali era pari al 65 per cento di quella degli eletti alla Camera dei Deputati: 7607,36 euro per 12 mensilità. Importi variabili invece per l’indennità di funzione, spettante solo ai Consiglieri con particolari incarichi in seno all’Assemblea Legislativa. Per i Presidenti di Commissione assembleare, come Damiano Zoffoli, l’indennità era pari a 1462,96 euro lordi mensili. Il rimborso forfettario invece, pari al 65 per cento di quello dei deputati, ammontava nel 2010 a 2606,02 euro lordi mensili. Ora tutti questi importi sono stati tagliati del 10 per cento con un risparmio previsto, per il solo 2011, di 800mila euro.

I risparmi più consistenti per le casse regionali arriveranno comunque dalla prossima legislatura con l’abolizione del vitalizio per i consiglieri: “Una scelta – continua Zoffoli – dettata non solo dal momento di crisi ma, in primo luogo, da un principio di uguaglianza: ciò che una persona normale, un lavoratore, impiega per avere un sostegno previdenziale sarà quello che serve anche ad un Consigliere regionale per ottenere la pensione”.

I Consiglieri che siedono nell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna sono 50, un numero relativamente basso se rapportato alla popolazione residente. Ai sensi dello Statuto regionale il loro numero sarebbe dovuto lievitare a 67 a partire da questa legislatura ma, nel 2009, l’Assemblea aveva deciso di confermare il tetto dei 50 Consiglieri.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.