Istituire in Emilia-Romagna una sede operativa della DIA contro le infiltrazioni criminali

I Consiglieri regionali del PD, primo firmatario Marco Carini, hanno presentato una risoluzione con la quale chiedono alla Giunta di attivarsi presso il Ministero degli Interni perché, anche in Emilia-Romagna, venga costituita un’agenzia operativa della Direzione Investigativa Antimafia (DIA).

“Per le sue peculiarità economiche – commentano i Consiglieri – la nostra Regione costituisce un indubbio polo di attrazione per interessi lavorativi, economici e anche potenzialmente criminali, soprattutto come terreno d’elezione per tentativi di riciclaggio di capitali da parte della criminalità organizzata. L’attività illecita, oltre a configurare un tentativo di controllo del territorio, può anche risultare funzionale all’infiltrazione di imprese nel tessuto economico locale, allo scopo di occupare il lucroso settore dei lavori pubblici e garantirsi valide occasioni di riciclaggio”.

“Dalla sintesi dei dati della relazione della DIA nazionale, relativa al primo semestre 2010 – informano i Consiglieri – risulta che su 12.828 segnalazioni di operazioni finanziarie sospette ad alto rischio di riciclaggio registrate in Italia ben 910 (il 7,09% del totale) provengono dal territorio emiliano-romagnolo. E la crisi economica ha sicuramente contribuito a rendere più vulnerabile il nostro tessuto produttivo: è cresciuto il pericolo di infiltrazione mafiosa, in particolare di quella malavita pulita che agisce nel mondo delle imprese e del credito. Episodi che si sono già verificati nelle province di Parma, Reggio Emilia e Modena, ci dicono che la commistione tra economia legale e ed economia criminale ha raggiunto livelli di guardia”.

“È anche per questi motivi – commenta il Consigliere Damiano Zoffoli – che l’Assemblea Legislativa ha recentemente approvato un’importante ed innovativa Legge per promuovere la legalità nel settore delle costruzioni e degli appalti pubblici, per migliorare la sicurezza e promuovere la competitività. L’insediamento di una struttura investigativa della DIA può davvero essere il tassello fondamentale per dotarci di tutti gli strumenti di lotta nei confronti della criminalità e della mafia”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.