Dalla Regione nove milioni di euro per la rimozione dell’amianto e l’installazione di impianti fotovoltaici

La Regione, attraverso un bando rivolto alle piccole e medie imprese emiliano-romagnole, ha messo a disposizione nove milioni di euro per la rimozione dell’amianto, la coibentazione e l’installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici; più un milione per la sola sostituzione dei tetti in amianto.

Tra gli obiettivi del bando quello di favorire e promuovere la qualificazione ambientale ed energetica del sistema produttivo regionale.

Gli interventi che possono beneficiare del contributo sono: quelli finalizzati alla rimozione e allo smaltimento dei manufatti contenenti cemento-amianto, anche di matrice resinosa, presenti in edifici, immobili e/o stabilimenti in cui si svolgono attività lavorative; quelli di coibentazione degli edifici climatizzati; quelli finalizzati alla installazione e messa in esercizio di impianti fotovoltaici di nuova fabbricazione.

Le domande di contributo (da trasmettere tramite posta elettronica certificata e raccomandata) devono essere presentate, pena la non ammissibilità delle stesse, tra il 1 aprile e il 2 maggio 2011, entro le ore 16. Il testo completo del bando e la modulistica per presentare la richiesta di contributo sono disponibili cliccando qui.

Il contributo che può essere concesso a ciascun beneficiario non potrà essere superiore, per l’intero complesso di interventi ammessi, a 150 mila euro.

Si tratta di un progetto atteso, che risponde ad una precisa richiesta degli imprenditori e delle aziende della Provincia di Forlì-Cesena, per contribuire a rilanciare una crescita sostenibile ed intelligente. – dichiara Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità – Oltre allo sviluppo delle aree produttive ecologicamente attrezzate, in coerenza con le politiche per una corretta gestione del territorio, abbiamo scelto di sostenere la riqualificazione delle imprese, innestando nuove scelte energetico-ambientali al fine di migliorare le performance dell’impresa stessa. Insieme all’eliminazione dell’amianto, infatti, il bando prevede l’installazione di pannelli fotovoltaici: un segnale chiaro sull’ubicazione degli impianti che devono essere preferibilmente posizionati sui tetti, e non su suolo agricolo, per contenere il più possibile il consumo di territorio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.