La Regione verifichi i disservizi sul bando INAIL

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli (PD) ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale in merito alle procedure del bando INAIL Emilia-Romagna, per incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il bando, che metteva a disposizione 4.570.257 euro (per progetti di investimento, di formazione e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale), prevedeva l’invio telematico della domanda, collegandosi direttamente al sito www.inail.it, a partire dalle ore 14:00 del 12 gennaio 2011 (momento in cui veniva aperto lo “sportello”) e fino alle ore 18:00 del giorno stesso, con accesso ai finanziamenti in ordine di arrivo.

Ma non tutto sembra essere andato per il verso giusto. “Molte associazioni di categoria – spiega Zoffoli – hanno denunciato che, nonostante le rassicurazioni dell’Ente ai dubbi da loro precedentemente sollevati, il sito alle ore 14 del 12 gennaio risultava inaccessibile ai più e, solo nei minuti successivi, alcuni pochissimi fortunati hanno potuto accedere accorgendosi che i contributi erano ormai esauriti”.

“È per questo motivo – conclude il Consigliere Zoffoli – che ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per sapere se è al corrente di questo disservizio e, in caso di provata veridicità dei fatti, cosa intenda fare per rispondere alle giuste osservazioni delle associazioni e delle tante imprese virtuose che si sono viste negare la possibilità di presentare domanda, pur essendo nella condizione di poter beneficiare delle agevolazioni previste”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to La Regione verifichi i disservizi sul bando INAIL

  • Giovanni Monti

    Mi congratulo carissimo Zoffoli per tutto ciò che riesci fare e per quest’ultima interrogazione ancora di più, perchè tocca un argomento vitale pewr tutti noi e i nostri figli, vorrei però che Ti ricordassi anche di ciò che pochi sanno ma tacciono e non si capisce il perchè………
    Si tratta della truffa dei CIP 6 che è ormai ben nota a tutti,ma…………. anche se periodicamente, sia gli italiani che le istituzioni europee sembrano dimenticarsene. In breve tutto comincia nel 1992 con la delibera n. 6 del Comitato Interministeriale Prezzi che stabilisce un incentivo per la produzione di energia provenienti da fonti rinnovabili. I fondi per tale operazioni provengono da un aumento del 7% delle bollette energetiche di tutti gli italiani che, da circa 20 anni, finanziano in questa maniera la promozione delle energie rinnovabili. O almeno pensano. Perché la delibera CIP6 fa riferimento ad una legge preparata ad hoc per fregare gli italiani a favore di industriali e affaristi che si spacciano per grandi imprenditori ma che costruiscono i loro profitti distraendo in maniera inopportuna risorse pubbliche.

    Con l’espressione “rinnovabili e assimilate”, infatti, sono state finanziate per decenni forme di energia che nulla hanno a che fare con la definizione di rinnovabili fornita dalla Direttiva 2001/77/CE. Un caso su tutti, gli inceneritori, costruiti in Italia non perché, come vogliono farci credere, sono la soluzione al problema dei rifiuti ma per il semplice fatto che costruirli e gestirli rappresenta un grosso affare per pochi, pagato dai contribuenti.

    Nel 2004 la Commissione Europea apre a tal proposito ben due procedure di infrazione contro l’Italia, giudicando inammissibile il finanziamento pubblico per l’incenerimento come fonte di energia rinnovabile.

    L’Italia, messa all’angolo, rimedia con una serie di iniziative legislative con le quali formalmente, riesce a chiudere le procedure della Commissione. In sostanza, però, tra proroghe e deroghe ancora oggi decine di impianti di incenerimento usufruiscono degli incentivi CIP 6. Emblematico è il caso del celeberrimo decreto col quale il Governo italiano ha provato a risolvere la crisi dei rifiuti in Campania nel 2008. L’art. 9 della Legge 210/2008 prevede infatti gli incentivi per gli inceneritori che sono entrati in esercizio entro il dicembre 2009 e pone una deroga completa (e assolutamente incompatibile con la legislazione UE) per tutti gli impianti di incenerimento relativi a situazioni di emergenza quale quella campana.

  • Salvatore Zappalà

    Resto sbigottito che un ente come l’INAIL possa stanziare dei finanziamenti pubblici sulla base del criterio: ORDINE DI ARRIVO !!
    Ottima l’interpellanza, ma credo bisognerebe chiedere la sospensione della procedura e la sua invalidazione.

    Qual è la rilevanza del progetto “primo o secondo arrivato”? Di cosa trattano?
    Fare una vacanza ai Caraibi .. può senz’altro migliorare la salute dei lavoratori! Ma è questo che Inail si auspica?

    La famosa “valutazione ex-ante” dei progetti dove va a finire? Qualsiasi cosa va bene? Quello che si premia non è la qualità dei progetti ma la rapidità di click del titolare di impresa.

    Il tema della salute e sicurezza è importantissimo, se si pensa di risolverlo così… stiamo messi bene.
    Inail può scrivere qualsiasi cosa sui suoi bandi? Impunemente? Ma non sono anche i nostri soldi? Spesi così, alla cieca….

  • Salvatore Zappalà

    Ero un po’ preoccupato di aver espresso giudizi affrettati nel mio precedente post,scritto subito dopo la lettura del testo del Consigliere Zoffoli.
    Però la successiva lettura del bando Inail conferma tutto quanto espresso sopra: progetti per la formazione: di quali dipententi-lavoratori? per quanto tempo? su cosa? formazione condotta da chi?
    Chi risponde in Inail a queste domande? Come si riesce a dare un punteggio ai progetti in pochi secondi? Che algoritmo – criteri usa il sito inail? Oppure tutte le domande presentate sono accettate?
    Capisco si voglia incentivare le imprese a fare qualcosa; ecco, tipico italiano… “basta fare qualcosa”, qualsiasi cosa, dare l’impressione che le aziende fanno qualcosa per la sicurezza e … siamo a posto. Ma se il qualcosa serve, riduce gli infortuni, migliora il benessere in azienda, … lo vedremo dopo… NO COMMENT.