Progetto di legge regionale per valorizzare i nostri mercati ambulanti, semplificare e contrastare l’abusivismo commerciale

Un altro importante passo per affermare la legalità.

Per gli operatori del commercio sulle aree pubbliche scatta l’obbligo di presentazione del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC): il certificato che, sulla base di un’unica richiesta, attesta contestualmente la regolarità di un’impresa per quanto concerne gli adempimenti INPS e INAIL. È questo il contenuto del nuovo progetto di legge della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna.

Ciò riguarda sia le nuove autorizzazioni, sia eventuali cessioni d’azienda. Vengono inoltre normati, semplificando le procedure, i casi senza obbligo di iscrizione all’Inail e i periodi dove sono in atto rateizzazioni e/o contenziosi.

Spetterà ai Comuni, avvalendosi della collaborazione delle associazioni di categoria, verificare, entro il 31 gennaio di ciascun anno successivo a quello del rilascio, la sussistenza del documento. Le sanzioni prevedono che l’autorizzazione sia sospesa per sei mesi, in caso di mancata presentazione del DURC, decorsi i quali viene definitivamente revocata.

“Si tratta di un provvedimento importante – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che risponde alle esigenze di regolamentazione di un settore rilevante per l’economia della nostra Regione. I mercati ambulanti rappresentano infatti un’attrattiva per chi soggiorna nelle località turistiche, oltre ad essere un servizio per le comunità disagiate nei piccoli centri di collina e montagna e un’opportunità per diversificare e qualificare l’offerta commerciale nei centri storici”.

“Il progetto di legge è dunque un altro necessario passo per affermare la legalità – conclude Zoffoli – a partire dal sostegno agli operatori in regola contro l’abusivismo commerciale, dalla tutela della sicurezza sociale dei lavoratori e dal rispetto degli obblighi contributivi e previdenziali a carico delle imprese”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.