VITTORIO BACHELET – “Noi dobbiamo essere, in questa società inquieta e incerta, una forza di speranza e perciò una forza positiva capace di costruire nel presente per l’avvenire”

Sabato pomeriggio, l’Azione Cattolica della Diocesi di Cesena-Sarsina ha iniziato il suo percorso verso la prossima assemblea diocesana con un incontro sulla figura di Vittorio Bachelet, ucciso dalle Brigate Rosse, al termine di una lezione universitaria, il 12 febbraio del 1980.

A ricordarlo, insieme a noi, c’era il figlio Giovanni: ci ha portato il racconto di un autentico “TESTIMONE DELLA SPERANZA” che ha vissuto la propria vita al servizio del Vangelo e del bene comune, nella Chiesa e nella comunità civile, nella famiglia, nella professione e nell’impegno educativo attraverso l’associazionismo; accettando fino in fondo la responsabilità di credente e di cittadino.

Ci ha raccontato del modo con cui Bachelet concepiva la politica come “corresponsabile costruzione della città, in cui ognuno deve portare il contributo delle sue capacità in vista della costruzione di quel bene comune che rappresenta il fine relativamente ultimo della politica. Vi è infatti un modo diffuso di fare politica che non si limita alla partecipazione nei partiti e nelle istituzioni, ma che riguarda ad esempio il competente esercizio di un mestiere e di una professione, che rappresenta in sé un alto valore politico. L’impegno politico non è altro che una dimensione del più generale e essenziale impegno a servizio dell’uomo”.

Vittorio Bachelet credeva che fosse necessario “formare i giovani alla responsabilità, alla saggezza, al coraggio e, naturalmente alla giustizia. In particolare dovrà coltivarsi nei giovani la virtù della prudenza. È la prudenza che aiuta a evitare di confondere l’essenziale e il rinunciabile, il desiderabile e il possibile, che aiuta a valutare i dati di fatto in cui l’azione deve svolgersi, e consente il realismo più efficace nella coerenza dei valori ideali. La fortezza, contro le tentazioni tipiche della vita e della comunità politica e in connessione con la responsabilità delle scelte, della costanza e della pazienza che sono richieste a chi in tale comunità voglia vivere non da turista ma da costruttore. Si dovrà infine coltivare l’umiltà che implica vero spirito di servizio e sola può evitare il pericolo di trasferire l’attiva generosità di impegno del singolo in una sorta di identificazione della propria persona e della propria affermazione con il bene comune”.

A più di 30 anni dalla sua morte, rimangono attuali la sua eredità ideale ed umana, e la sua lezione di vita, dalla cui ordinarietà traspare la straordinaria forza di un testimone della fede che ha vissuto il suo impegno per gli altri attraverso il servizio alle Istituzioni, fino a donare la vita per il proprio Paese.

Anche oggi, un tempo in cui la nostra società è investita da profonde lacerazioni e disuguaglianze e sembra rifiutare ogni offerta culturale e politica per essere più giusta, solidale e inclusiva ci è chiesto, come ripeteva spesso Bachelet, “di saper vedere i segni dei tempi e saperli giudicare alla luce della fede. L’atteggiamento del cristiano di fronte alla vicenda della storia umana deve essere insieme di ascolto e di annuncio, di accoglienza e di superamento. L’ottimismo con cui possiamo guardare alla vicenda umana è l’ottimismo della redenzione, cioè della croce e della resurrezione“.

Anche oggi ai cristiani non è chiesto di stare alla finestra, con uno sguardo di estraneità o peggio di diffidenza verso il mondo, ma di farsi interpreti delle attese, delle angosce e delle speranze e dei cittadini, con la convinzione che “nonostante tutte le difficoltà, ci sia la possibilità di un futuro migliore per la vita del nostro Paese e per la vita delle nostre Istituzioni”.

È possibile scaricare alcuni SCRITTI di Vittorio Bachelet cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to VITTORIO BACHELET – “Noi dobbiamo essere, in questa società inquieta e incerta, una forza di speranza e perciò una forza positiva capace di costruire nel presente per l’avvenire”

  • rosanna

    non conoscevo la persona di Bachelet, oggi faccio parte dell’A.C. adulti e mi sto documentando su questa persona, che è così attuale anche nella realtà di questo periodo.