I cattolici del PD: “Non possiamo tacere”

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli ha firmato (assieme ai colleghi Gabriele Ferrari, Beppe Pagani e Matteo Richetti) la lettera aperta di un gruppo di cattolici impegnati in politica sul degrado morale di cui siamo testimoni in questi giorni.

Dopo aver sentito e letto i numerosi interventi di questi giorni sulle vicende giudiziarie del Presidente del Consiglio, non sentiamo il bisogno di intervenire sul merito delle questioni che occupano da troppi giorni le prime pagine dei giornali.

Come politici che tentano di offrire la loro testimonianza cristiana nel servizio alle istituzioni e a questo nostro Paese, ci sentiamo piuttosto in dovere di manifestare la nostra preoccupazione per la deriva che sta interessando in modo sempre più evidente la vita pubblica italiana.

Un’intera generazione politica, e non facciamo differenze di schieramento, rischia di venire precipitata in un formalismo che accompagna alla proclamazione di valori e tradizioni che spesso vengono qualificati con l’impegnativo aggettivo di cristiani, una serie di comportamenti pratici che sconfinano nella categoria dell’a‐moralità e pretendono di non diventare oggetto di giudizio in nome dell’assoluta intangibilità della sfera privata e della libertà, altrettanto assoluta, di scelta dell’individuo.

Per chi fa politica la dimensione pubblica non è un accidente o un qualcosa di totalmente separato dalla propria esperienza di vita (anche privata), tanto quanto per chi si definisce credente la testimonianza quotidiana non può essere separata dalle proprie abitudini di vita, anche privatissime.

Non si tratta di ergersi a giudici di nessuno; per questo esiste la magistratura nella città terrena e il buon Dio in quella celeste.

Il punto è un altro: il patrimonio morale e culturale di un popolo o di una nazione non sono indipendenti dal comportamento e dalle abitudini di chi in essi riveste ruoli di responsabilità, a qualsiasi livello.

Il Vangelo non è tenero con chi si definisce cristiano e rischia di recare scandalo, ovvero di offrire una testimonianza dissonante e contraria rispetto a quanto proclama o afferma di credere: meglio che si leghi una macina al collo e si getti nel mare.

La rilevanza penale di un comportamento è fondamentale per il giudizio terreno di chi è investito del compito di vigilare sul rispetto delle leggi, ma le conseguenze morali e culturali di ogni nostro comportamento vanno oltre il codice penale e toccano elementi più profondi e radicali quali l’ethos collettivo e la possibilità di indicare criteri per vivere una vita buona.

La grave preoccupazione per l’emergenza educativa che ha spinto i vescovi italiani a dedicare un intero decennio della comunità cristiana proprio al tema della trasmissione dei valori, suona purtroppo come profetica: quali modelli offriamo ai giovani? Quali prospettive educative si aprono di fronte ai più piccoli? Che cittadini stiamo formando? Sono domande che, se guardiamo a quello che sta accadendo in questi mesi, rischiano di condurci attraverso riflessioni colme di smarrimento se non di angoscia.

La politica farà le sue scelte e adotterà le sue strategie che condurranno probabilmente a un duro scontro tra chi difende le ragioni del Presidente del Consiglio e chi ritiene che i suoi comportamenti siano lesivi della dignità dell’intero Paese. Questo non toglie però nulla alla necessità di una profonda riflessione sulle conseguenze che abitudini e comportamenti che si trascinano da tempo e di cui i protagonisti si sono a più riprese vantati, rischiano di far precipitare sull’intera società italiana.

Anche dalle gerarchie ecclesiastiche si sono opportunamente levate, negli ultimi giorni e non solo, voci preoccupate al proposito. Nessuno ha titolo per considerarsi paladino esclusivo del cristianesimo in politica e nessuno può arrogarsi il diritto di invocare i valori cristiani, e tanto meno il Vangelo, per difendere le proprie scelte politiche che rimangono, è bene ricordarlo, nel campo dell’opinabile e del provvisorio.

Ci piace richiamare, per concludere, un passaggio della Lettera a Diogneto, uno scritto del padri apostolici: i cristiani “dimorano nella terra, ma hanno la loro cittadinanza nel cielo. Obbediscono alle leggi stabilite, e con la loro vita superano le leggi. Amano tutti, e da tutti vengono perseguitati. (…) Sono poveri, e fanno ricchi molti; mancano di tutto, e di tutto abbondano” (V,9‐11.13).

Anche oggi c’è bisogno di cristiani così e di politici che, dicendosi cristiani, abbiano l’umiltà di servire e rifuggano l’arroganza del potere.

Giuseppe Adamoli, Alessandro Alfieri, Emanuela Baio, Mario Barboni, Giovanni Bianchi, Luigi Bobba, Carlo Borghetti, Daniele Bosone, Gianluca Bracchi, Virginio Brivio, Giovanni Burtone, Ezio Casati, Mario Cavallaro, Eugenio Comincini, Claudio Consonni, Paolo Corsini, Silvia Costa, Paolo Cova, Paolo Danuvola, Lino Duilio, Andrea Fanzago, Enrico Farinone, Gabriele Ferrari, Luca Gaffuri, Francesco Garofani, Gianantonio Girelli, Marco Granelli, Lorenzo Guerini, Daniela Mazzuconi, Alessia Mosca, Giovanni Orsenigo, Beppe Pagani, Flavio Pertoldi, Fabio Pizzul, Gigi Ponti, Francesco Prina, Marco Riboldi, Matteo Richetti, Ettore Rosato, Paolo Rossi, Antonio Rusconi, Giovanni Sanga, Fabrizio Santantonio, Carlo Spreafico, Gianluca Susta, Patrizia Toia, Damiano Zoffoli.

Milano, 24 gennaio 2011

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to I cattolici del PD: “Non possiamo tacere”

  • marco

    Bello Damiano, condivido.

  • Donella Urioli

    Come donna e come madre di due ragazze che studiano e lavorano senza alcun patrocinio e come cristiana cattolica mi sento fortemente indignata, ma anche impotente di fronte al clima sociale che si è venuto a creare nella nostra società.Rivendico la dignità della donna capace di grandi cose solo con la sua forza morale; capace di essere moglie, madre: impegnata a migliorare se stessa e la società dal lavoro più umile a quello più prestigioso, senza improprie protezioni.
    La società italiana ne conta tante che il presidente umilia con la sua vita e con i suoi commenti.
    Ho passato una vita ad insegnare italiano storia ai ragazzi: parlavo loro di Costituzione, facevo riferimento alla liberazione dal fascismo citando Pietro Calamandrei, la Costituente e gli uomini politici che avevano ricostruito l’Italia dalle macerie. Erano di qualunque partito fossero stato un esempio di politica attiva condotta con la forza degli ideali.Facevo l’Università nel momento in cui tutti noi pensavamo ad un mondo più uguale e più giusto con la sola forza della giovinezza.
    Solamente con la laurea in tasca, abbiamo creduto che, impegnandoci, avremmo fatto dell’Italia un luogo migliore per i nostri figli.Arriva un PARVENU, che nel giro di relativamente poco tempo distrugge lo spessore dei contenuti e da valore alla società dell’apparenza, del profitto ad ogni costo,del posto in politica come soluzione del precariato.
    Non mi convince Formigoni quando dice ” chi è senza peccato scagli la prima pietra”, mi sembrerebbe più giusto citare l’episodio della ” rabbia” di Gesù al Tempio. In Formigoni e nella sua parte leggo molta ipocrisia che non riesco a perdonare a chi si dichiara non solo cattolico, ma guida per gli altri.
    Provo tanta amarezza e un forte senso di impotenza, ma anche la consapevolezza che occorra continuare a tenere lucidamente testa a tutto ciò con la forza delle idee e dei valori cristiani, morali,e civili.
    Chi si impegna attivamente nella politica non deve perdere la forza della sobrietà e deve essere capace di dichiarare a voce alta il desiderio onesto di rendere migliore questa Italia che nonostante tutto ha ancora una gran parte sana e desiderosa del bene della Cosa pubblica.