Non dimenticare, per dare un senso a quel ricordo

Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo”. Con questa frase di Primo Levi, il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, ha sottolineato l’importanza delle iniziative organizzate in occasione della Giornata della Memoria, istituita per ricordare le vittime del nazismo e della Shoah, che si celebra in molti Paesi del mondo il 27 gennaio, nell’anniversario del giorno in cui vennero abbattuti i cancelli di Auschwitz.

Damiano Zoffoli parteciperà alla cerimonia organizzata dal Comune di Cesena: alle ore 10, in piazza Almerici, si riuniranno le autorità civili e militari e la cittadinanza e il Sindaco Paolo Lucchi deporrà una corona di alloro sulla lapide del Palazzo del Ridotto dedicata ai concittadini ebrei deportati tra il 1943 e il 1944. Dopo un breve intervento del Sindaco e della Presidente del Consiglio Rita Ricci, alcuni studenti delle scuole elementari leggeranno brani sull’olocausto.

Non dimenticare ciò che è accaduto, e che ha permesso al nostro popolo di conquistare la libertà e la democrazia.

Non dimenticare nel rispetto delle milioni di vittime,  in nome della speranza per l’umanità e come monito per l’avvenire, perché non si ripeta la distruzione (in ebraico Shoah).

Non dimenticare in nome delle nostre responsabilità verso le generazioni future.

Non dimenticare, per dare un senso a quel ricordo.

È anche per questo che i Consiglieri del Gruppo PD hanno presentato una risoluzione che invita la Giunta a contribuire alla conoscenza, divulgazione e valorizzazione delle iniziative promosse a livello territoriale in occasione della Giornata della Memoria; a sostenere, nei prossimi mesi, un vero e proprio coordinamento di tutti i luoghi della Memoria presenti in Emilia-Romagna, con la finalità di mettere a sistema e in rete gli archivi, le celebrazioni e le iniziative dei territori per assicurarne la più ampia accessibilità da parte dei cittadini; a sostenere progetti di Anagrafe dei Caduti, Martiri e Giusti, e ogni altro progetto che risponda agli obiettivi di trasmissione della Memoria e dei valori fondativi della Democrazia nel nostro Paese, promuovendo l’adozione delle nuove tecnologie e di modalità appropriate di conoscenza rivolte ai più giovani, eventualmente in raccordocon l’Ufficio scolastico regionale e le Università.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.