Pronto un Piano regionale per promuovere le agroenergie

9 milioni di euro per aumentare la produzione di energia da biogas e fotovoltaico: un’opportunità per le imprese agricole del nostro territorio.

Sei azioni – dall’informazione all’assistenza tecnica; dai contributi in conto capitale ai crediti agevolati delle banche, allo snellimento delle procedure di autorizzazione e di allacciamento – per sostenere la produzione di energia verde dai campi, riducendo l’utilizzo di combustibili fossili, contrastando l’effetto serra e fornendo un reddito integrativo alle aziende agricole.

Parte il Piano regionale per lo sviluppo delle agro energie che, da qui a quattro anni, si dà due obiettivi ambiziosi: incrementare di 100 MW la produzione di biogas da reflui zootecnici e scarti delle coltivazioni e di 400 MW la produzione di energia e calore attraverso il fotovoltaico. Dunque, complessivamente 500 MW, partendo da un produzione di biogas e fotovoltaico agricolo che oggi si aggira sui 33 MW.

Con il Piano sono in arrivo, nel 2011, risorse pari a 9 milioni di euro che verranno erogate attraverso un bando in uscita ad aprile. Il contributo previsto coprirà fino al 50% del costo dell’intervento (sia per il biogas che per il fotovoltaico) con un massimo di 200 mila euro per impianto. È un’opportunità per le imprese agricole del nostro territorio” dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Oltre ai vantaggi legati alle tariffe per la produzione di energia elettrica, per la parte dell’intervento a carico dell’imprenditore agricolo, sono previste forme di prestito a tasso agevolato da parte del sistema bancario.

Il Piano prevede, inoltre, la velocizzazione degli adempimenti burocratici (per gli allacciamenti dei nuovi impianti alla rete nazionale) e la semplificazione delle procedure (che la Regione ha reso omogenee su tutto il territorio regionale, prevedendo un programma di seminari informativi con i tecnici comunali e provinciali che dovranno autorizzare la realizzazione degli impianti).

Per informare gli imprenditori agricoli è previsto un programma di incontri tecnici in tutte le province e verrà attivato uno sportello informativo on line (numero verde 800662200 – urp@regione.emilia-romagna.it) per le prime informazioni di base.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.