Semplificazione e sburocratizzazione: “Dobbiamo mettere in discussione prassi consolidate”

In coerenza con il programma di Legislatura, il Gruppo assembleare del Partito Democratico ha iniziato un lavoro di confronto e approfondimento sul tema della semplificazione, intesa innanzitutto come snellimento della burocrazia e ricerca di un rapporto più semplice e diretto tra imprese, cittadini ed Enti locali.

Vogliamo accrescere l’efficienza, l’efficacia e la produttività della Pubblica Amministrazione.

Già nella scorsa Legislatura l’Emilia-Romagna ha realizzato importanti azioni di semplificazione della governance, con la riduzione del numero delle Comunità montane, dei Consorzi bonifica e delle Aziende di diritto allo studio; con la revisione delle partecipazioni e, recentemente, con la regionalizzazione del patto di stabilità.

È intenzione della nostra Regione proseguire il percorso intrapreso (si sta ragionando anche sugli Enti parco e gli ATO) e, come gruppo PD, vogliamo dare un contributo di merito per arricchire il provvedimento. Da qui l’esigenza di avviare una relazione con i rappresentanti delle Associazioni dell’agricoltura, del manifatturiero, del commercio e terziario, degli Ordini professionali e, infine, con i Sindacati dei lavoratori.

Siamo consapevoli che sarà un lavoro difficile. Per questo serve il coinvolgimento di tutti: Giunta, Assemblea, dirigenti, dipendenti e collaboratori. Serve una forte integrazione tra questi soggetti e il mondo esterno, ognuno mettendo a disposizione il proprio patrimonio di conoscenze per migliorare e semplificare le procedure e le modalità di lavoro.

Per raggiungere gli obiettivi di semplificazione e per una ulteriore autoriforma della Pubblica Amministrazione della nostra Regione, offriamo in questa prima fase alcune direttrici di lavoro:

1. assumere l’ottica dei cittadini e delle imprese quali soggetti terzi in un quadro di regole certe;

2. un patto di azioni concrete con gli Enti locali per risolvere i disagi dei cittadini e delle imprese provocati da procedimenti e competenze che spesso causano perdita di tempo, inefficienza dell’azione pubblica e costi inutili. Per questo occorrono integrazione tra le Amministrazioni, sussidiarietà e responsabilità;

2. utilizzo di nuove tecnologie e sistemi informativi per mettere in rete i diversi soggetti coinvolti nelle procedure, in modo che non siano i cittadini a doversi spostare tra diversi palazzi e uffici, ma le istituzioni per prime a dialogare tra loro;

3. costituzione di un nucleo di valutazione di impatto per introdurre forme di verifica preventiva e successiva sui tempi e sui costi che le leggi e i regolamenti regionali hanno sull’attività di cittadini, imprese e sull’organizzazione e il funzionamento delle pubbliche amministrazioni e degli enti esterni;

4. istituzione, in Assemblea Legislativa, della sessione semestrale di semplificazione, per monitorare, verificare e controllare i procedimenti in essere, derivanti da norme statali, comunitarie e regionali.

Sappiamo che il successo della semplificazione dipende, prima di tutto, dalla volontà politica, ma anche dagli apparati amministrativi, dall’organizzazione del lavoro, dall’adesione di coloro che lavorano per la Regione Emilia-Romagna.

Dobbiamo metterci tutti in discussione. Dobbiamo mettere in discussione convinzioni, e relative prassi di lavoro, che spesso sono consolidate e conservatrici.

I Consiglieri regionali del Gruppo Partito Democratico
Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Semplificazione e sburocratizzazione: “Dobbiamo mettere in discussione prassi consolidate”

  • Paolo

    SONO D’ACCORDO SUI PUNTI ELENCATI NELLE DIRETTRICI DI LAVORO.

    SONO ED ERO D’ACCORDO CON LE LENZUOLATE BERSANI E CON OGNI FORMA DI LIBERALIZZAZIONE DEI SERVIZI PROFESSIONALI CERCANDO COMUNQUE DI INDIVIDUARE FORME E MODI DI TUTELA E DI GARANZIA DELLA FORMAZIONE, DELLE COMPETENZE E DEI GIOVANI PROFESSIONISTI.

    Sono, un libero professionista dell’edilizia e dalla mia postazione ho assistito a un continuo sovrapporsi di norme e di pianificazioni contrapposte, ripetitive, ridondanti.

    Potremmo fare 100 esempi: le discrasie tra le pianificazioni provinciali che entrano in contrasto con le comunali approvate dalla provincia pochi anni prima, l’attuazione del “Piano Casa” tra mille aspettative e pochi effetti, il continuo modificarsi delle norme sulla riqualificazione energetica, sull’acustica, sul paesaggio, sulle strutture, sugli impianti e via così………

    Ma qualcosa possiamo fare e con l’intenzione di fornirvi una lente di ingrandimento su aspetti anche di dettaglio vi propongo alcune riflessioni.

    Cominciamo dalla sostanziale rivisitazione delle delibere regionali relative alle procedure sismiche, promuovendo nelle sedi opportune il ritorno ai depositi preventivi e lasciando l’autorizzazione a progetti di pubblica rilevanza, con tutte le buone volontà messe in campo oggi rispetto ad un anno fa gli interventi ordinari sopportano un aggravio di tempi che, tra richieste di integrazioni (che a volte percepiamo di autodifesa) e formalismi, superano di gran lunga i 60 giorni fissati dalla normativa.
    Nel frattempo torniamo a dare fiducia ai liberi professionisti che con le delibere attuative della LR 19/2008, hanno perso ormai ogni autonomia professionale e anche molta autostima!
    In particolare va rivista profondamente la delibera della Giunta Regionale n°121/2010 con l’indicazione delle opere non rilevanti, delle varianti non sostanziali e dei contenuti minimi dei progetti.
    Delibera che è diventata un macigno nei rapporti tra professionisti e enti pubblici, che a tolto ogni discrezionalità e spazio valutativo e ogni responsabilità agli attori e che ha ampliato di fatto il campo di applicazione delle sanzioni penali in una materia delicata per la quale si sta perdendo di vista il progetto a fronte delle forma.
    Inoltre, a mio parere manca completamente la responsabilità dell’impresa esecutrice, o forse non la si percepisce; mi spiego, in una così complessa materia ed una così grande produzione di norme e regolamenti regionali manca una cosa molto semplice per quanto alle imprese, e cioè che le imprese che vogliono lavorare in zona sismica devono averne la competenza, attraverso corsi di formazione certificati e attraverso direzioni tecniche (interne o esterne) qualificate alla realizzazione di manufatti antisismici oltre a doverne essere puntualmente responsabili del rispetto dei progetti approvati.

    Ed inoltre per Semplificare si potrebbe valutare di:
    _togliere i trenta giorni prima dell’inizio lavori alla DIA, possibilità di inizio lavori immediato (lasciamo perdere la SCIA e la CIA e tutte le false semplificazioni di recente memoria);
    _estendere la DIA e renderla prioritaria al permesso a costruire per tutti gli interventi anche di nuova costruzione conformi al piano, il permesso è una scelta del proponente limitata a particolari tipologie di intervento;
    _eliminare l’istituto obbligatorio della necessità delle varianti preventive in corso d’opera (edilizie, strutturali, paesaggistiche ecc) i progetti se approvati e naturalmente conformi al PRG ed alle NORME (ci sono i professionisti e la possibilità di confronto con gli uffici) possono variarsi liberamente fino alla fine dei lavori con la quale si fa la ricognizione del realizzato se ne verifica la conformità e si conguaglia l’eventuale dovuto;
    _togliere l’autorizzazione paesaggistica per i lavori fino alla ristrutturazione e per tutti gli interventi elencati nella proposta di autorizzazione semplificata;
    _con piani paesaggistici approvati (e in Emilia Romagna abbiamo pianificato tutto e tutti) mantenere il controllo sulle autorizzazioni paesaggistiche da parte della sovrintendenza solo per vincoli da decreto ministeriale specifico per gli altri basta la regione o il comune se delegato;
    _limitare il parere d.lgs 42/2004 titolo I° solo per i veri monumenti valutati puntualmente e non indistintamente per tutto ciò che in proprietà pubblica ha più di 50 anni e per tutti i centri storici;
    _togliere il parere sanitario edilizio da interventi ordinari di tipo commerciale, uffici, produttivi questi ultimi comunque sottoposti a controllo ASL per l’avvio delle attività effettivamente insediate;
    _consegnare la responsabilità della pianificazione operativa (POC RUE) degli accordi di programma ecc esclusivamente ai comuni;
    _per interventi con pianificazione preventiva,una volta verificata la sostenibilità generale delle proposte insediative, togliere ai gestori dei servizi pubblici (Enel, Telecom, Hera ecc) il ricatto del parere sugli interventi e riconsegnare la competenza ai comuni, i pareri sono sub procedimentali o si danno in trenta giorni o vale il progetto firmato dai professionisti con le relative dichiarazioni e il gestore dovrà assumere le opere per come progettate e realizzate;
    _dare immediata e circostanziata qualificazione alle innovazioni della conferenze dei servizi che decidono a maggioranza all’interno delle quali l’ente comunale ha possibilità di maggiore e autonoma decisione dotandosi di opportuni pareri;
    _e poi….. Valutazioni ambientali VAS VALSAT ecc, pareri geomorfologici e di svincolo idrogeologico, pareri AUSL e arpa, consorzi di bacino, autorità di bacino ecc tutti interni ai procedimenti o si danno nei termini di procedimento o vale il progetto firmato dai professionisti con le relative dichiarazioni;

    _sanzioni significative, reali e immediate……..PER CHI DICHIARA FALSAMENTE E PER CHI OSTACOLA _

    PROBABILMENTE SONO ANDATO OLTRE SIA PER QUANTO ALLE PROPOSTE CHE PER QUANTO ALLE COMPETENZE REGIONALI … COMUNQUE NELLO SPIRITO DEL “Dobbiamo metterci tutti in discussione. Dobbiamo mettere in discussione convinzioni, e relative prassi di lavoro, che spesso sono consolidate e conservatrici”, vi invio con spirito di collaborazione questo mio contributo senza la presunzione di verità assoluta ma con la convinzione che è giunto il momento di una attenta approfondita e dettagliata riflessione.

    SALUTI E BUON LAVORO