No alla tassa di soggiorno. Il vero federalismo è ancora da costruire…

È prevista per domani la discussione sulla bozza di decreto del federalismo municipale che prevede la re-introduzione della tassa di soggiorno, soppressa nel lontano 1989.

Invece di liberare risorse a favore di investimenti, il tanto sbandierato federalismo targato PdL-Lega finirà così per aumentare il prelievo dalle tasche dei cittadini, andando a colpire chi pernotta nelle nostre città per turismo, per affari o per motivi di salute e cura.

Il vero federalismo fiscale dovrebbe, invece, prevedere una compartecipazione dei Comuni al gettito dell’IVA (che oggi finisce interamente nelle casse dello Stato) da trattenere e reinvestire sul territorio, affinché si possa avviare una nuova stagione di incentivi agli investimenti nella riqualificazione alberghiera.

Altre, e ben precise, sono le richieste che ci arrivano dagli imprenditori, dalle associazioni di categoria e dagli Enti locali della nostra riviera romagnola, sempre disattese in questi anni, per rilanciare il turismo e farlo finalmente diventare un settore strategico per il rilancio complessivo del nostro Paese: una vera attività di promozione all’estero, dove il Governo è latitante da anni e ha lasciato tutto sulle spalle delle singole realtà territoriali; abbassare l’Iva sulle attività turistiche al livello dei Paesi nostri concorrenti.

L’introduzione di una tassa di soggiorno finirebbe col gravare solamente sulle imprese e sarebbe un duro colpo per un tessuto economico già prostrato dalla diminuita capacità di spesa delle famiglie e dal calo costante della redditività delle attività turistiche. Non è certo questo di cui ha bisogno il nostro territorio.

E se si guarda la riforma del federalismo fiscale nel suo complesso, le cose non vanno meglio.

A poco più di quattro mesi dalla scadenza, il federalismo rimane ancora solo sulla carta: sono stati infatti approvati, in via definitiva, i soli decreti sul federalismo demaniale, sullo status di Roma capitale e sui costi standard di comuni e di province. Ma i decreti citati devono ancora essere attuati e, spesso, i problemi nascono proprio dall’attuazione concreta dei provvedimenti.

Ma ancor più desolante appare quel che resta da fare. I provvedimenti su cui si basa il federalismo fiscale riguardano, in sintesi, l’assetto della finanza delle Regioni e degli Enti locali e l’armonizzazione delle regole relative alla formazione dei bilanci pubblici. Parliamo, quindi, di autonomia tributaria, perequazione e costi standard. Analizziamoli con ordine.

1. Autonomia tributaria: in altre parole, la possibilità per Regioni, Province e Comuni di determinare (almeno una parte del)le proprie entrate. L’obiettivo della riforma, si è sentito ripetere fino alla noia, è quello di responsabilizzare la spesa pubblica locale e la resposanbilizzazione passa attraverso il controllo delle entrate. La bozza di decreto sulla fiscalità regionale attribuisce a tali enti, quali tributi propri (derivati), l’Irap e l’addizionale irpef, strumenti che non costituiscono certo una novità rispetto all’attuale assetto. La novità è che la legge statale irrigidisce i poteri delle Regioni, limitandoli di fatto alla sola variazione dell’aliquota. Le Regioni virtuose, dunque, non potranno agevolare determinati settori (penso, ad esempio, alle organizzazioni non profit) né determinati soggetti (penso, ad esempio, alle famiglie numerose).

2. Perequazione: dovrebbe servire a integrare le risorse dei territori più poveri. Ma non sappiamo come, in quale misura e secondo quali criteri. Sappiamo che dovrebbe assicurare un gettito sufficiente alla copertura delle funzioni fondamentali, ma non conosciamo, almeno per gli Enti locali, tali funzioni. Senza contare che anche tale previsione appare contraddittoria rispetto alla responsabilizzazione, poiché gli amministratori locali hanno interesse a far emergere un basso gettito del territorio, e quindi a non contrastare l’evasione fiscale, poiché in tal caso le risorse saranno integrate dal fondo perequativo statale in misura maggiore.

3. Costi standard: i provvedimenti fino ad oggi adottati, e quelli in bozza, contengono le metodologie di massima di tali costi, ma i numeri sono affidati a ulteriori provvedimenti da assumere a livello regolamentare. È facile notare come tale soluzione aumenti l’incertezza e l’indeterminatezza sul punto fondamentale della riforma.

Dopo tanto parlare ci aspettavamo che la riforma garantisse maggiore responsabilità delle amministrazioni pubbliche, migliori servizi, riduzione degli sprechi, ed eliminasse le inutili sovrapposizioni tra i diversi livelli di governo. Recuperando in efficienza della pubblica amministrazione e destinando i conseguenti risparmi a ridurre la pressione fiscale che grava su imprese e famiglie.

Dopo tanto parlare ci aspettavamo che chi bene amministra venisse premiato, e chi amministra male venisse sanzionato (è il principio cardine del federalismo, ossia lo stretto legame tra autonomia finanziaria e responsabilità).

Non è così. Il vero federalismo è ancora tutto da costruire.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.