In Emilia-Romagna oltre 4200 donne vittime delle mutilazioni genitali

Domani, 6 febbraio, ricorre la Giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili, una pratica che coinvolge ogni anno 130 milioni di donne e 2 milioni di bambine ed è diffusa, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), in 27 Paesi africani ed in alcuni Paesi dell’Asia (India, Indonesia e Malaysia) e del Medio Oriente (Yemen, Kurdistan iracheno, Arabia Saudita).

In Emilia-Romagna pare che vivano oltre 4200 donne vittime di questo fenomeno.

Ne dà notizia un’interrogazione sottoscritta da 22 Consiglieri regionali di entrambi gli schieramenti (prima firmataria Rita Moriconi), in cui si evidenzia che la pratica delle mutilazioni genitali “non ha alcun fondamento di ordine religioso” e che “i flussi migratori hanno portato il fenomeno in aree che, fino a pochi anni fa, non ne conoscevano la diffusione, come l’Europa ed il Nord America”.

In Italia, secondo l’Istat, sono circa 35.000 le donne e le bambine emigrate che sarebbero vittime ogni anno di mutilazioni genitali, mentre sono 1.000 le bambine e le adolescenti con meno di 17 anni che sarebbero “vittime potenziali di questa pratica”.

“L’Emilia-Romagna – si legge nel testo– è al terzo posto tra le Regioni italiane per immigrazione di donne provenienti da Paesi in cui è praticata la mutilazione genitale (13% del totale), per cui nel nostro territorio vivrebbero 4.245 donne vittime di questo fenomeno e sarebbero 148 le bambine e le giovani su cui potrebbe essere potenzialmente effettuata la mutilazione, vietata dall’Unione Europea nel 2001 e dall’Italia con la legge 7/2006, che prevede pene severe per chi autorizza e pratica le mutilazioni, riconoscendole come una violazione del diritto delle donne ad essere donne”.

Considerando, quindi, che occorrono impegni più concreti per prevenire e contrastare questa pratica, i Consiglieri chiedono alla Giunta regionale se siano disponibili i dati aggiornati sull’incidenza del fenomeno nella Regione Emilia-Romagna; se nei consultori sia disponibile personale formato ad affrontare queste problematiche; se nel territorio regionale vi siano strutture di supporto ed accoglienza alle donne che hanno subito la mutilazione, o sono potenziali vittime di questa pratica, ed infine quali siano le strategie per il contrasto, la prevenzione e l’informazione previste su questo tema.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.