Garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Una risoluzione, presentata da alcuni Consiglieri regionali del PD (prima firmataria Paola Marani), impegna la Giunta regionale a “pianificare l’estensione della garanzia di accesso alle cure palliative ed alla terapia del dolore in tutti i settori di assistenza e per tutte le patologie previste dalla Legge 38/2010”.

Una norma che, per la prima volta in Italia, riconosce il diritto universale di accesso a tali cure e terapie entro i livelli essenziali di assistenza (LEA), prevedendo l’attivazione di due reti di servizi ed assistenza (la Rete regionale delle cure palliative e la Rete regionale della terapia del dolore) e l’istituzione dei relativi organismi di coordinamento.

Il documento chiede quindi di istituire, in Emilia -Romagna, le due strutture organizzative regionali di indirizzo e coordinamento, i cui compiti e le cui funzioni sono stati definiti nelle Linee guida della Conferenza Stato-Regioni, che “rappresentano quanto si ritiene necessario che sia previsto a livello regionale per garantire l’assistenza palliativa e la terapia del dolore in modo omogeneo ed a pari livello di qualità”.

I Consiglieri impegnano inoltre la Giunta a “dare valore all’esperienza fin qui maturata in Emilia-Romagna, garantendo, nel coordinamento regionale, criteri di rappresentatività delle diverse professionalità coinvolte nei percorsi di cure palliative e terapia del dolore e dei diversi modelli di assistenza sperimentati nel territorio regionale”, in modo da sviluppare ulteriormente l’”intelligenza di rete” e fornire garanzie omogenee di buone pratiche per tutti i cittadini.

È possibile scaricare il testo della risoluzione cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.