Mille case a proprietà indivisa diventano a proprietà individuale

Un provvedimento utile, che consentirà anche di investire in edilizia sociale.

L’Assemblea Legislativa ha approvato la delibera della Giunta regionale che consente alle cooperative a proprietà indivisa che hanno usufruito di agevolazioni pubbliche (statali o regionali) di cedere in proprietà individuale, ai soci già assegnatari, gli alloggi realizzati.

Si stima che la conversione interesserà circa 1000 appartamenti e porterà nelle casse regionali 10 milioni di euro.

“Il provvedimento – osserva il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ha lo scopo di rispondere a quei cittadini (personale di pubblica sicurezza, delle forze armate, delle ferrovie e di altri settori pubblici e privati) che, per la crisi economica in atto o per esigenze di servizio, sono costretti alla mobilità sul territorio nazionale. Sono diversi, infatti, i soci delle cooperative a proprietà indivisa che, spesso per ragioni di lavoro, hanno dovuto cambiare residenza, lasciando l’alloggio su cui avevano investito”.

Il provvedimento prevede che il passaggio sia possibile se: i contributi siano stati concessi successivamente alla Legge n.179/1992; siano trascorsi almeno 5 anni dalla conclusione dei lavori e vi sia l’assenso del Comune nel quale è ubicato l’intervento edilizio.

L’alloggio può essere acquistato da chi lo abita e il suo valore non può essere superiore a quello stabilito dalla convenzione comunale: se questa non prevede un prezzo, si fa riferimento a quello degli interventi in proprietà, definito dal bando regionale con il quale l’intervento oggetto di trasformazione fu finanziato, oppure (nel caso non fossero programmati interventi per la proprietà) al prezzo delle costruzioni di edilizia convenzionata non agevolata realizzate nel comune.

“La delibera, congegnata in modo tale da scongiurare ipotesi speculative – conclude Zoffoli – risolve un problema reale per numerosi lavoratori che, per diversi motivi, sono costretti a spostarsi. Contemporaneamente la Regione, con le risorse incamerate da questa trasformazione, potrà finanziare nuovi interventi nel settore dell’edilizia residenziale pubblica, mirati al recupero, all’acquisto e all’edificazione di case da destinare alle fasce più deboli della popolazione”.

È possibile scaricare il testo della DELIBERA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

10 comments to Mille case a proprietà indivisa diventano a proprietà individuale

  • pasquale

    Sig. Zoffoli far passare questa delibera per una cosa vantaggiosa per i soci della cooperativa è davvero una falsità, restituire alla regione 60 mila euro con gli interessi ai limiti dell’usura vi sembra una cosa vantoggiosa?
    Non solo la cooperativa a maggioranza mi costringe ad aderire altrimenti pur avendo pagato con tanti sacrifici l’appartamento in cui abito, dopo dieci anni sono costretto ad uscire dalla cooperativa con tanti saluti, quello che voi fate passare per una cosa vantoggiosa per me è una vera estorsione.
    Sono a sua disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
    Saluti

    • Gentile Pasquale,
      la delibera è vantaggiosa per i soci della cooperativa in quanto offre una nuova opportunità che prima non c’era, ovvero la possibilità di trasformare l’abitazione da proprietà indivisa a proprietà individuale.
      Un’opportunità quindi, non un obbligo. Se i soci della cooperativa ritengono per il loro caso economicamente svantaggiosa l’opzione, possono decidere di non aderire e quindi di lasciare tutto indiviso.
      Se gli altri soci della sua cooperativa hanno invece deliberato di aderire, evidentemente, non hanno ritenuto una “estorsione” l’offerta della Regione contenuta nella delibera.
      Si tratta in realtà della restituzione di parte del contributo elargito a suo tempo per realizzare gli alloggi indivisi. A conti fatti, dagli uffici regionali mi confermano che l’opzione è comunque vantaggiosa per il cittadino in quanto gli permette di diventare unico proprietario di un immobile ad un costo complessivo (costo iniziale più contributo richiesto ora dalla Regione) decisamente inferiore rispetto ai prezzi del mercato immobiliare.
      È altresì vantaggiosa per la Regione che, in questo modo, rientrando di importanti somme di denaro, può di nuovo investirle per aiutare altre famiglie, come a suo tempo è avvenuto nel vostro caso.
      Gli uffici mi segnalano anche che questa delibera è stata caldeggiata ripetutamente dai soci delle varie cooperative che da tempo (l’ultima delibera analoga risaliva al 1998) ne sollecitavano l’uscita.
      Trattandosi di opportunità e non di obbligo, forse, più che alla Regione, le sue “ragioni” dovrebbe farle valere nei confronti degli altri soci della sua cooperativa, per convincerli a non aderire.
      In ogni caso, se mi fa avere un suo numero di telefono ove poterla rintracciare, la faccio contattare da un mio collaboratore, in modo da approfondire meglio il suo caso specifico presso gli uffici regionali competenti.
      Restando a disposizione le invio un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli

  • luigi

    Gentile Consigliere dell’Emilia-Romagna Damiano Zoffoli, ho per caso trovato questa notizia, relativa alla proprietà indivisa; la cessione vale anche se un solo socio è interessato?

    • Gentile Luigi,
      la trasformazione della proprietà indivisa in proprietà individuale è normata dalla delibera che trova al seguente link:
      http://territorio.regione.emilia-romagna.it/politiche-abitative/vendite/trasformazione-del-titolo-di-godimento-degli-alloggi-a-proprieta-indivisa/del35_2011.pdf
      Come potrà leggere a pagina 7 (Allegato “A” – Criteri e modalità per la trasformazione di alloggi in locazione o godimento permanente in alloggi a proprietà individuale – 1. Ambito di applicazione) della stessa, la risposta al suo quesito è negativa.
      Infatti “La trasformazione degli alloggi da proprietà indivisa a proprietà individuale e la trasformazione degli alloggi destinati alla locazione permanente in alloggi a proprietà individuale deve riguardare l’intero intervento oggetto del finanziamento pubblico“.
      Inoltre “La proposta di trasformazione con le eventuali conseguenti modifiche statutarie è, ove necessario, deliberata dal Consiglio di Amministrazione del soggetto operatore e sottoposta all’approvazione dell’Assemblea dei Soci, convocata e costituita a norma di statuto“.
      Occorre quindi che il socio “interessato” all’operazione si faccia portatore, presso gli altri soci, delle informazioni sui benefici della trasformazione e riesca a convincerli ad intraprendere questo percorso.
      Cordiali saluti,
      Damiano Zoffoli

  • luigi

    Gentile Consigliere dell’Emilia-Romagna Damiano Zoffoli,
    La ringrazio molto per avermi risposto.
    Considerato che si tratta di Norma regionale, chi come Lei è possibile contattare presso la Regione Piemonte, affinchè promuava una deliberazione in tal senso?
    La saluto cordialmente

  • grandissimo errore caro Zoffoli grandissimo errore…
    e così con le agevolazioni pubbliche i cittadini si fanno le loro piccole speculazioni private,c omprano e rivendono… e che bellezza… le cooperative a propietà indivise devono restare tali… sono una delle poche cose buone della nostra politica sulla casa… mah…

    • Caro Corrado,
      concordo sul fatto che le cooperative a proprietà indivisa siano una delle cose buone della nostra politica sulla casa. Ed infatti, negli scorsi anni, la Regione ha concesso contributi ed agevolazioni per promuoverle e quindi per aiutare persone in difficoltà a trovare un alloggio dignitoso, con questa modalità.
      Molte di quelle persone, nel frattempo, o si sono trasferite per motivi personali o di lavoro (e non hanno più bisogno di quelle case), oppure sono riuscite ad uscire dalla situazione di difficoltà ed ora sono in grado di “permettersi” un’abitazione di proprietà individuale. In entrambi i casi è giusto ascoltare le esigenze di questi cittadini ed andare incontro alle loro richieste, laddove se ne sia verificata la fondatezza.
      Certamente occorre fare attenzione a quello che tu dici ed evitare che, grazie alle agevolazioni pubbliche, alcuni possano fare le loro piccole speculazioni private.
      La delibera regionale, infatti, prevede (nell’allegato A è specificato tutto nei minimi dettagli) che il contributo regionale (sia che si sia trattato di finanziamento in conto capitale o in conto interessi) debba essere completamente restituito alla Regione, maggiorato degli interessi legali maturati dal giorno in cui è stato realizzato l’intervento convenzionato.
      In questo modo il beneficio per l’intera comunità è triplice:
      – cittadini che erano in difficoltà sono riusciti, comunque, a costruirsi la casa (prima indivisa ed ora individuale);
      – grazie alle risorse recuperate la Regione riesce a finanziare nuovi interventi di edilizia residenziale sociale (come specificato nel testo della delibera) e quindi ad aiutare nuovi cittadini in difficoltà;
      – questi nuovi interventi di edilizia residenziale sociale saranno realizzati senza dover attingere maggiori fondi dal bilancio regionale (e quindi senza maggiori imposte per i cittadini).
      Cordiali saluti,
      Damiano Zoffoli

  • deanna

    vorei sapere perche a reggio emilia non possiamo acquistare il proprio appartamento dopo 28 anni che paghiamo.
    altri insediamenti sono più di 30 anni che ci abitano.
    ora sembra che il governo Monti ci faccia pagare l’I.M.U. come seconda casa se non siamo proprietari, poi per anni ci hanno fatto pagare l’ICI.
    vorrei per favore una risposta dato che il 22 c.m. avremo una riunone generale.
    grazie

    • Gentile Deanna,
      se mi risponde inviandomi un suo recapito telefonico, la faccio chiamare da un mio collaboratore, che le potrà fornire tutte le informazioni di dettaglio che le servono.
      Un cordiale saluto e buona giornata,
      Damiano Zoffoli
      051 5275216