61 milioni di euro per l’agricoltura in montagna: nuove attività e più servizi

Risorse per le aree collinari e montane, per favorire lo sviluppo delle agroenergie, la diffusione della banda larga e dei servizi comunità, e puntare sulla diversificazione delle aziende agricole.

Più servizi e concrete opportunità per diversificare l’attività agricola nelle aree montane e collinari dell’Emilia-Romagna. Sono questi gli obiettivi dei nuovi stanziamenti dell’asse 3 del Piano regionale di sviluppo rurale: 53 milioni di euro che verranno erogati attraverso bandi provinciali, ai quali si aggiungono ulteriori 8 milioni di euro che verranno gestiti direttamente dalla Regione per integrare la diffusione della banda larga nelle zone attualmente non servite.

“Fare agricoltura in montagna costa di più e rende meno; per questo, negli ultimi vent’anni, circa il 50% delle aziende ha chiuso. Questa iniziativa è importante non solo per la rilevanza della cifra, ma proprio perché è rivolta prevalentemente alle zone appenniniche, dove la possibilità di diversificare la propria attività rappresenta per le aziende agricole la condizione stessa per andare avanti e non chiudere” dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Comune denominatore di tutti questi interventi sarà il recupero, nel rispetto delle tipologie e delle caratteristiche tradizionali, del patrimonio edilizio contadino, che potrà in questo modo diventare un ulteriore elemento di qualificazione del territorio e di attrazione turistica.

Il riparto delle risorse
Oltre 25 milioni di euro saranno destinati: alla realizzazione di agriturismi e bed and breakfast (16 milioni); di punti di sosta, degustazione e musei del gusto lungo le 15 Strade dei Vini e dei Sapori (2,5 milioni di euro); di spazi collettivi nei borghi rurali (7 milioni di euro).

Con 9 milioni di euro verranno finanziati impianti fotovoltaici (solo sui tetti), a biomasse, eolici o solari.

Per contrastare lo spopolamento delle montagne, i bandi mettano in campo risorse per circa 15 milioni di euro: serviranno a realizzare strade e acquedotti rurali, ma anche impianti pubblici per il teleriscaldamento alimentati attraverso il legname dei boschi.

Il programma di interventi, che prevede anche risorse per la formazione degli operatori e per le aree della Rete Natura 2000, è rivolto sia a privati che a Enti pubblici e i contributi previsti variano, in base al tipo di intervento, dal 45%, al 70%, al 90%

I tempi e le scadenze dei bandi
Le Province hanno tempo fino al 25 marzo per approvare i loro bandi e trasmetterli alla Regione per la successiva pubblicazione congiunta sul BUR (prevista per la prima quindicina di aprile).

I bandi rimarranno aperti fino al 1 luglio, se destinati ai privati, e al 15 luglio, se destinati agli Enti pubblici.

È possibile scaricare la DELIBERA di Giunta regionale (Approvazione Programma Operativo Asse 3 “Qualita’ della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’ economia rurale” – Anni 2011-2013) cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to 61 milioni di euro per l’agricoltura in montagna: nuove attività e più servizi

  • […] This post was mentioned on Twitter by Gianni Gaggiani, Damiano Zoffoli. Damiano Zoffoli said: 61 milioni di euro per l’agricoltura in montagna – http://www.damianozoffoli.com/2011/02/10/61-milioni-euro-agricoltura-in-montagna/ […]

  • Carissimo Damiano, ottima opportunità per lo sviluppo Rurale. Il fenomeno della globalizzazione, che pure costituisce una occasione grande di scambio e di diffusione, tende ad appiattire le differenze e a nascondere le caratteristiche peculiari delle singole realtà, proponendo modelli mediani che non appartengono a nessuno e generano mediocrità. Lo sviluppo delle comunità locali si fonda sulla capacità di condividere e riconoscere una propria specificità, di ritrovare una propria identità, visibile all’esterno e profondamente vissuta all’interno. Per questo caro Damiano è importante che si promuova l’intero territorio. Tutti gli abitanti devono sentirsi attori principali dello sviluppo economico. Fare progetti di marketing territoriale per le aree rurali, piccoli distretti di qualità sotto il marchio della nostra grande Regione E-R . Una comunità, che “investe” in Progetti, è una comunità che: comprende la necessità di seguire la domanda, che è orientata al mercato, che è in UNA DIMENSIONE PREDISPOSTA AL SUCCESSO. Dobbiamo togliere la parola sviluppo e scrivere “sistema” e fare un grande progetto intersettoriale di filiera, Agricoltura-Turismo-Ambiente-Cultura. Un abbraccio