Oltre le mutande

Oltre le mutande è il titolo dell’articolo che Massimo Gramellini pubblica oggi su La Stampa, nella sua rubrica Buongiorno, e che riporto qui di seguito.
Spunti per un programma di governo, aggiungerei io come sottotitolo.
Una bellissima riflessione, probabilmente la migliore che ho letto in questi giorni, anche in vista delle mobilitazioni organizzate domani dalle donne, in tante delle nostre città.
Meditiamo, gente. Se non ora, quando?
Damiano Zoffoli

Mentre una casta di subrettine aspiranti onorevoli domina la scena mediatica, negli angoli meno illuminati della società le loro coetanee stanno dando la spallata definitiva al predominio del maschio. Qualsiasi statistica racconta ormai il sorpasso fra i sessi: le ragazze si laureano di più, conquistano più borse di studio, ottengono più posti come ricercatrici. Ma poiché lo fanno senza dimenare il sedere in televisione, non esistono. La civiltà dello spettacolo funziona così: tutto ciò che esce dal quadrilatero intrattenimento-sport-giornalismo-politica non dà visibilità e quindi non rientra nel dibattito pubblico.

Questa distorsione altera la percezione della realtà, al punto che oggi in Italia si scontrano due opinioni palesemente fasulle. La prima è l’opinione Così Fan Tutti: ogni uomo è un maiale e ogni donna una escort, e chi fa la morale al Silvio e alle sue amichette stia bene attento, perché gli scateniamo dietro un segugio che rivelerà al popolo i suoi altarini sessuali. La seconda è l’opinione Pochi ma Buoni: i virtuosi esistono e coincidono coi nemici del Silvio, una minoranza destinata a perdere sempre.

Per fortuna il mondo reale è un’altra cosa ed è fatto, anche in Italia, da uomini e donne che amministrano il proprio corpo con pudore e dignità, che non votano necessariamente tutti dalla stessa parte, che hanno sogni piccoli o grandi ma comunque diversi dal bunga bunga. E passano la vita a cadere e a rialzarsi, senza che nessuna tv, rivista o inchiesta si occupi mai del loro faticoso e glorioso cammino.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Oltre le mutande

  • Donina

    Gramellini è efficace e lucido come sempre, doti che – come in tutti i periodi di forti contrapposizioni – sono difficili da trovare.
    Fortunatamente, concordo con lui,l’Italia è ben altra cosa rispetto al “bunga bunga”: è la quotidianità di uomini e donne capaci di assumersi responsabilità ed agire di conseguenza; di lavori “oscuri” che tuttavia danno lustro al “made in Italy”; della sfida che ogni giorno impegna mamme e papà desiderosi di dare ai figli un futuro fatto di dignità, di speranza, di libertà, di rispetto, di democrazia… Su quest’Italia è calata però una nebbia oscuratrice chiamata Berlusconi, una nebbia che ci inghiotte, che rovina la nostra immagine all’estero, mina la nostra credibilità, rovina le fondamenta dei nostri rapporti internazionali (politici ed economici). Alcuni ambiasciatori hanno, in questi giorni, ammesso di sentirsi in imbarazzo; loro dovrebbero essere il nostro ponte verso i mercati e la politca estere, ma non riescono ad assolvere il loro compito con serenità.
    Per tutto questo non è possibile intentare contro Berlusconi una class action? Lui rovina l’Italia e noi gli chiediamo i danni!
    Le assicuro che non è uno scherzo, una boutade, son fermamente decisa – se ci fossero i presupposti – ad andare avanti. Secondo lei è possibile o sono costretta a chiudere anche questo sogno in un cassetto?
    Buona giornata.
    Donina