Condanna della violenza contro i cristiani, per la libertà religiosa

I Consiglieri regionali del PD (primo firmatario Luciano Vecchi) hanno presentato una risoluzione in cui si condannano fermamente i gravi fatti di violenza avvenuti ai danni di fedeli cristiani in vari Paesi del mondo.

“Fatti – sottolinea il Consigliere Damiano Zoffoli – che hanno ricondotto in primo piano il tema della libertà religiosa e delle violenze di matrice religiosa, evidenziando come persone di tutte le religioni siano, sempre di più, vittime di discriminazione e violenza, a volte a costo della loro vita, solo perché credenti. Con questo atto vogliamo riaffermare la nostra più ferma condanna ad ogni strumentalizzazione della religione in conflitti di natura politica e ribadire che la libertà religiosa è un fondamentale diritto da potersi esercitare sempre, in forma individuale e collettiva, in qualunque parte del mondo”.

I Consiglieri firmatari ritengono essenziale che tutte le forze politiche ed istituzionali si mobilitino per affermare e difendere un principio che, alla luce dei recenti drammatici attacchi alle comunità cristiane in Africa, Asia e Medioriente, oltre ad essere un fondamentale diritto umano, tocca da vicino anche la stabilità internazionale e può contribuire a suscitare nuovi conflitti.

Nel testo si esprimono piena condivisione e sostegno alla risoluzione adottata a larghissima maggioranza, lo scorso 20 gennaio, dal Parlamento Europeo sulla “situazione dei cristiani nel contesto della libertà religiosa” e si auspica che il Consiglio dell’Unione Europea dia subito attuazione pratica a quanto richiesto dal Parlamento Europeo per rafforzare e far rispettare la libertà di religione, che costituisce una base comune nelle sue relazioni con i Paesi terzi.

Il documento, infine, impegna la Giunta regionale ad operare, per quanto di sua competenza, affinché i principi e gli obiettivi in esso contenuti siano coerentemente perseguiti da tutte le Istituzioni europee, nazionale e locali.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.